Home Ambiente Nuove misure per la qualità dell’aria anche a Fiorano

Nuove misure per la qualità dell’aria anche a Fiorano

Il sindaco di Fiorano Modenese, Francesco Tosi, ha firmato l’ordinanza n. 5 del 18 gennaio 2021, che revoca le precedenti ordinanze n.177/2020 e n. 4/2021 e definisce nuove disposizioni di limitazioni alla circolazione veicolare e misure per la gestione della qualità dell’aria e il progressivo allineamento ai valori fissati dall’unione europea di cui al d.lgs. n. 155 del 13.08.2010.

L’ordinanza recepisce le modifiche disposte dalla Regione Emilia Romagna, prolungando le misure strutturali ed emergenziali per la qualità dell’aria fino al 30 aprile 2021. Dispone l’attivazione di ulteriori misure sulla base dei bollettini Arpae del lunedì, mercoledì e venerdì, in caso di sforamento del limite delle polveri sottili per tre giorni consecutivi. Le misure emergenziali entrano in vigore il giorno successivo a quello di controllo e permangono fino al giorno di verifica seguente e comunque finché le previsioni dei valori di qualità dell’aria, formulate da Arpae sulla base del proprio sistema modellistico integrato di valutazione e previsione meteorologica e di qualità dell’aria, escludano la probabilità di superamento del valore limite giornaliero del PM10. Pertanto le misure emergenziali si estendono anche nei giorni festivi e nei giorni di sabato e domenica eventualmente coinvolti.

Restano in vigore tutte le restanti limitazioni relative alla circolazione, all’interno dell’area del centro abitato di Fiorano, dei veicoli pre-euro, euro 1, 2 e 3, a seconda del tipo di alimentazione, le misure relative al riscaldamento domestico e il divieti di abbruciamento biomasse all’aperto, prorogate al 30 aprile 2021.

Tutte le domeniche comprese nel periodo dal 18.01.2021 al 30.04.2021 (a parte la domenica di Pasqua) sono domeniche ecologiche. In queste giornate, dalle 8.30 alle 18.30 è vietata la circolazione dei veicoli a motore (benzina da pre-euro ad euro 2, diesel da pre-euro ad euro 3, ciclomotori pre euro ed euro 1), a cui si aggiungono i veicoli diesel euro.

Verranno potenziati anche i controlli del rispetto delle misure per la qualità dell’aria.