Home Ambiente Maranello si conferma tra i Comuni Ciclabili d’Italia

Maranello si conferma tra i Comuni Ciclabili d’Italia

ADV


La Città di Maranello si conferma ‘Comune Ciclabile’, riconoscimento nazionale della Fiab (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) che premia le amministrazioni locali più attente alle politiche per la mobilità in bicicletta, dopo aver valutato il ‘grado di ciclabilità’ del loro territorio. La cerimonia quest’anno non ha potuto svolgersi in presenza, a causa della pandemia, e si è svolta questa mattina a distanza in videochiamata.

A rappresentare la giunta maranellese c’era Chiara Ferrari, assessore alla Mobilità, che durante il collegamento con la Fiab e gli altri amministratori invitati ha riepilogato le principali azioni messe in campo dal Comune nel corso del 2020. “Perché le politiche sulla cosiddetta ’mobilità dolce’ risultino efficaci – ha spiegato l’assessore – serve un approccio a diversi livelli da parte degli enti locali, cioè in grado di dare risposte a breve, medio e lungo termine, attraverso una programmazione molto attenta e una ricerca costante delle risorse necessarie al miglioramento delle infrastrutture. Ed è ciò che abbiamo fatto a Maranello anche nel 2020, nonostante le difficoltà derivanti dall’emergenza sanitaria”.

Tra le iniziative sviluppate a Maranello nei mesi scorsi c’è infatti l’approvazione di due strumenti di programmazione come il  Pums, il Piano urbano della mobilità sostenibile, e il Biciplan, che coinvolge tutti i Comuni del Distretto Ceramico e che punta a raddoppiare entro un decennio i chilometri di piste ciclabili nell’area vasta.

Cambiando prospettiva, sono stati anche realizzati tre nuovi tratti di piste ciclabili in altrettanti punti del territorio comunale: in via dei Navigatori, in via Abetone Inferiore e in via Rossini a Pozza.

E la sottoscrizione del Piano aria integrato regionale, avvenuta nel 2019, ha consentito a Maranello di accedere al progetto regionale ‘Bike to Work’ in deroga, perché ne sarebbe stata esclusa per numero di abitanti. Tale progetto ha portato il Comune ad accordarsi con diverse aziende locali per incentivare l’uso delle bici da parte dei loro dipendenti lungo il tragitto casa-lavoro: con una ‘app’ scaricabile sullo smartphone vengono contate le distanze percorse e a fine mese si può arrivare a un bonus da 50 euro sullo stipendio in base ai chilometri percorsi, pagato totalmente con risorse della Regione.

In più, sono stati distribuite ai cittadini richiedenti, tramite graduatoria, altre risorse regionali finalizzate a sconti sull’acquisto di biciclette. A chi si è aggiudicato il bonus è stata inoltre regalata la chiave per l’utilizzo delle due velostazioni collocate nei pressi del Museo Ferrari e del Terminal dei Bus, dove si possono custodire le bici in piena sicurezza.

Infine, è stato terminato il tratto maranellese del percorso ciclopedonale che in futuro collegherà i Musei Ferrari di Maranello e Modena, lungo un itinerario di 20 chilometri che toccherà diversi punti di interesse per gli appassionati di motori.

 

Articolo precedenteCoronavirus, nuove agevolazioni sugli affitti commerciali per gli immobili di proprietà del Comune di Bologna
Articolo successivoIl futuro dei musei: domani Martina Bagnoli, Riccardo Falcinelli e Gianfranco Maraniello in diretta streaming per AGO Modena Fabbriche Culturali