Home Appennino Reggiano Il 26 febbraio il Teatro Bismantova propone lo spettacolo “Padre d’amore, padre...

Il 26 febbraio il Teatro Bismantova propone lo spettacolo “Padre d’amore, padre di fango” fruibile online

Nuovo appuntamento della Rassegna a Km (quasi) zero del teatro Bismantova di Castelnovo Monti. Nell’ambito del cartellone di spettacoli DPCM (Di nuovo sul Palco a Castelnovo Monti), venerdì 26 febbraio alle ore 21 in streaming gratuito sul canale YouTube del Teatro Bismantova, viene proposto lo spettacolo “Padre d’amore, padre di fango”, l’ultimo lavoro scritto e interpretato da Cinzia Pietribiasi.

Lo spettacolo prodotto dalla compagnia Pietribiasi – Tedeschi, selezionato a “l’Italia dei visionari – Kilowatt festival”, indaga una relazione a tre: figlia, padre, eroina. Una storia vera vissuta a Schio, cittadina operaia in provincia di Vicenza, sommersa dalla droga negli anni ’80. Immagini della memoria, odori di case, eventi storici: vicende poco narrate ma che hanno profondamente segnato i giovani di allora e i loro figli.

Questa originale narrazione multimediale ha debuttato il 23 luglio 2020, nell’importante cornice di Kilowatt Festival, davanti a un pubblico commosso che ha cercato di rispondere alla domanda attorno a cui ruota tutto lo spettacolo: cosa vuol dire amare un padre?

La vicenda è ambientata nel 1989: l’atmosfera di disimpegno politico e sociale culmina nella caduta del muro di Berlino. La provincia veneta appare ferita dagli arresti politici e dal dilagare della tossicodipendenza. Sara è una bambina di 10 anni con la passione per il tennis e un amore spassionato per Andre Agassi, e suo padre Sergio è un operaio trentenne, idealista ed eroinomane. Il 1989 è l’anno in cui tutto cambia anche per la famiglia di Sara.

Ad aiutare la protagonista nella lotta per la vita, importanti figure di donne: la nonna Teresa, macellaia e fan sfegatata di Casadei, e la bisnonna Rina, operaia tessile da Marzotto, e due guerre mondiali sulle spalle.

Sullo sfondo c’è Schio, cittadina operaia in provincia di Vicenza. La piccola e industriosa località, che vede nascere e crescere grandi aziende tessili come la Lanerossi, negli anni ‘80 viene letteralmente sommersa dall’eroina, assistendo con indifferenza e paura all’annichilimento della generazione venti-trentenne dell’epoca.

La scrittura, dallo stile quasi cinematografico, procede per frammenti, immagini della memoria, odori degli ambienti abitati, eventi storici e copre un arco di tempo che va dal 1979 al 1992. La narrazione, asciutta e per niente patetica, è scevra da giudizi e commenti e rispecchia il punto di vista della bambina, che lentamente, ma inesorabilmente, diventa consapevole di ciò che sta accedendo a suo padre.

Attraverso l’occhio della webcam, gestita in tempo reale, il corpo, con i suoi segni e le sue cicatrici, diventa mappa di un percorso a ritroso nella memoria. Lo schermo restituisce una visione altra sia sul corpo che sulla cartina geografica, presente in scena, sulla quale si muovono dinosauri e paperelle ingigantiti e fuori scala.

Per maggiori informazioni: www.teatrobismantova.it.