Home Cronaca Microcriminalità e baby gang: le strategie di intervento in una riunione del...

Microcriminalità e baby gang: le strategie di intervento in una riunione del CPOSP modenese

Foto di Jose Reyes da Pixabayl

Si è svolta in videoconferenza una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Capo di Gabinetto della Prefettura dott.ssa De Angelis, alla quale hanno partecipato, oltre ai vertici delle Forze di Polizia, il Sindaco e il Presidente della Provincia di Modena. Tra gli argomenti trattati in tema di sicurezza del territorio, particolare attenzione è stata dedicata alla situazione del Parco XXII aprile, evidenziata dal Comitato “Viale Gramsci e Dintorni”. Al riguardo, è stata concordata una adeguata risposta alla situazione lamentata.

Successivamente, insieme ad un rappresentante dell’Ufficio Scolastico Provinciale, alle Associazioni di genitori AGEA, AGESC e CGD e ad alcune Cooperative sociali, sono stati affrontati i temi della prevenzione e contrasto alla microcriminalità e della lotta al fenomeno delle aggregazioni giovanili, recentemente protagoniste di episodi di piccola criminalità e di disturbo della civile convivenza. Nel corso dell’incontro è stata condivisa l’opportunità di intensificare le iniziative di prevenzione e contrasto con un’azione a tutto campo.

A tale scopo saranno implementati, d’intesa con le Autorità scolastiche ed in raccordo con i soggetti interessati, i servizi delle Forze di polizia, con la collaborazione delle Polizie locali, per contrastare i fenomeni più diffusi nelle aree maggiormente a rischio, tra cui quelle nei pressi delle scuole e nei luoghi di aggregazione, e saranno rafforzati i percorsi formativi di sensibilizzazione nei confronti degli studenti.

Importate, al riguardo, l’azione delle Associazioni dei genitori presenti alla riunione e degli enti che operano sul territorio in collaborazione con il Comune di Modena, le quali hanno condiviso l’opportunità di sviluppare ulteriori iniziative di educazione alla legalità e alla civile convivenza.