Home Ambiente Università di Bologna e Regione ancora insieme per gestire le emergenze sismiche

Università di Bologna e Regione ancora insieme per gestire le emergenze sismiche

ADV


zione civiDallo studio degli scenari di danno in caso di terremoti, al supporto nella gestione dei sopralluoghi per valutare gli effetti delle scosse, all’elaborazione delle strategie più efficaci per superare l’emergenza e ancora alla collaborazione nella formazione dei tecnici specializzati a rilevare le conseguenze e classificare l’agibilità delle costruzioni dopo un sisma.

Sono le principali attività tecnico-scientifiche in cui si concretizza la cooperazione tra Ciri, Centro interdipartimentale di ricerca industriale edilizia e costruzioni, dell’Università di Bologna e Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile, grazie al rinnovo di una convenzione triennale che ha avuto il via libera dallaGiunta regionale.

“Un accordo importante perché conferma la collaborazione tra Regione e Università nell’individuare le strategie più efficaci di gestione delle emergenze sismiche- spiega l’assessore regionale alla Difesa del suolo e Protezione civile, Irene Priolo-. L’Emilia è una terra che ha conosciuto da vicino la violenza devastante del terremoto e ha imparato a fare tesoro di quell’esperienza, per questo prosegue il lavoro con la comunità scientifica per approfondire conoscenze, competenze e organizzare al meglio la risposta all’emergenza, qualora ce ne fosse bisogno”.

Tra le collaborazioni previste, c’è anche quella con l’edificio che a Parma ospita la Centrale operativa 118 Emilia Ovest e la Polizia municipale della città, inserito nella rete dell’Osservatorio sismico delle strutture gestito dal dipartimento di Protezione civile. Si tratta infatti di un immobile che accoglie un sofisticato sistema di monitoraggio che consente di misurare l’impatto di un eventuale sisma attraverso sensori posizionati sui diversi piani.

Nel prossimo triennio l’affiancamento del Centro accademico al Centro operativo regionale (COR) della Protezione civile si prefigge inoltre di approfondire gli scenari di danno provocati dai terremoti sulle costruzioni partendo da una rete di edifici ‘sentinella’, sia reali che virtuali, rappresentativi delle diverse categorie di costruzioni.

Infine, il Ciri collabora con l’Agenzia e il Servizio regionale geologico, sismico e dei suoli nella formazione dei tecnici del Nucleo di valutazione regionale (Nvr) che si compone di ingegneri, geologi e geometri incaricati, in caso di sisma, del rilievo dei danni e della stesura delle schede sull’agibilità degli edifici.