Home Appennino Modenese Trasporti e scuola, tavolo provinciale modenese: “Attività estive, garantire servizio adeguato”

Trasporti e scuola, tavolo provinciale modenese: “Attività estive, garantire servizio adeguato”

ADV


Trasporti e scuola, tavolo provinciale modenese: “Attività estive, garantire servizio adeguato”
Copyright e Autore: Brancolini Roberto

«Dobbiamo garantire un servizio adeguato di trasporto pubblico per le scuole che decideranno di tenere aperto in estate. Occorre, inoltre, iniziare a programmare in vista dell’avvio delle scuole a settembre».

Lo ha affermato Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena, nel corso di un incontro, promosso dalla Provincia, sul tema del trasporto pubblico e la scuola che si è svolto lunedì 3 maggio; hanno partecipato autorità scolastiche e i rappresentanti di Comuni, sindacati, Seta e Amo.

«Stiamo monitorando la nuova organizzazione delle scuole a turno unico – ha aggiunto Tomei – stabilita nel tavolo prefettizio, dopo aver verificato i disagi provocati dal doppio turno in entrata e uscita. Ora pensiamo all’attività estiva, prevista dal ministro Bianchi, e a settembre con l’augurio che la campagna vaccinale possa consentire una ripresa in totale presenza e in sicurezza sui mezzi».

La necessità di programmare il nuovo anno è stata condivisa da Silvia Menabue, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale, «tenendo conto anche dell’incremento delle iscrizioni alle superiori, mentre le risorse per l’incremento degli organici del personale scolastico – ha assicurato Menabue – non mancheranno, come annunciato dal ministero».

Nel corso della discussione i responsabili di Amo e Seta hanno ribadito che la capienza massima al 50 per cento sui mezzi pubblici resta il problema di fondo, mentre Manuela Gozzi della Cgil, ha riassunto i disagi emersi dal doppio turno in entrata che ha provocato disagi a studenti, famiglie e dipendenti del trasporto pubblico», tema ripreso dal sindaco di Zocca, Gianfranco Tanari, nel sottolineare la realtà complessa del territorio modenese; Rosi Papaleo della Cisl, infine, ha insistito sulla necessità di riorganizzare con largo anticipo il trasporto pubblico, in vista del nuovo anno scolastico.