Home Ambiente Bassa Reggiana, 10 mila ettari agricoli in sicurezza grazie all’Emilia Centrale

Bassa Reggiana, 10 mila ettari agricoli in sicurezza grazie all’Emilia Centrale

ADV


Un articolato ripristino delle difese idrauliche a tutela e difesa di un comprensorio, quello della Bassa Reggiana, dall’elevata densità e dalla forte vocazione agricola: la messa in sicurezza del canale Derivatore e delle sue principali arterie operata dall’Emilia Centrale – lungo un’area vasta oltre 10 mila ettari compresa tra i torrenti Enza e Crostolo e che serve i Comuni di Poviglio, Castelnovo Sotto, Campegine, Reggio Emilia e Cadelbosco di Sopra – è stata brillantemente portata a termine dagli uomini del Consorzio con un intervento di messa in sicurezza grazie a fondi della Regione Emilia-Romagna, dell’importo pari a 150 mila euro, che comprende (oltre al ripristino delle sponde interne del canale Derivatore) anche quello dei cavi Naviglia, Dugara Scaloppia e collettori di Bonifica Meccanica, danneggiati durante l’emergenza verificatesi tra febbraio e marzo 2018.

Nello specifico, l’operato della Bonifica sulle sponde interne dei canali di scolo ha permesso di risolvere due situazioni di criticità causate dalle piene, ovvero: l’erosione in corrispondenza del ponte di Via per Poviglio; e quella all’altezza della Chiusa Goleto.

I lavori di ricostruzione hanno visto l’utilizzo di terreno costipato a strati ed è stata infine realizzata, dopo la rimozione di tutti i sedimenti, anche una ulteriore difesa in pietrame.

 

(foto: escavatore consortile durante l’intervento lungo il canale Derivatore)