Home Vignola La Giunta di Vignola ha incontrato il Consiglio comunale dei ragazzi

La Giunta di Vignola ha incontrato il Consiglio comunale dei ragazzi

ADV


L’aula di musica, per l’occasione, è diventata l’aula consiliare: questa mattina, presso la sede delle Scuole Medie Muratori, si è tenuto, nel rispetto delle norme anti-Covid, l’incontro tra il Consiglio comunale dei ragazzi e la Giunta. Erano presenti la sindaca Emilia Muratori, l’assessora all’Istruzione Daniela Fatatis e l’assessore alle Politiche giovanili Luca Righi, la presidente del Consiglio comunale dei ragazzi Virginia Gozzoli, il professor Tulone che, con la collega Marinaccio, ha curato il progetto, e tutti i consiglieri del CCRR.

Nel corso di questo pur anomalo anno scolastico, i consiglieri hanno messo a punto e presentato proposte di progetti da realizzare entro la fine delle lezioni: quattro sono stati votati e verranno ora messi in pratica. Si tratta di azioni a favore dei canili e gattili del territorio (in particolare la promozione di una raccolto di cibo, giochi e cucce dismesse, ma anche la promozione delle adozioni); la creazione di “scatole del tempo” in cui i ragazzi che lasciano una classe prima scrivono testi e consigli per gli alunni che entreranno l’anno successivo alle Medie; una colletta alimentare da destinare all’associazione Eko, l’emporio solidale dell’Unione Terre di Castelli che aiuta le persone in difficoltà economica; un giornalino curato dallo stesso Consiglio comunale dei ragazzi.

“E’ stata una bella occasione di incontro – ha commentato la sindaca Emilia Muratori – Abbiamo avuto il piacere di conoscere ragazzi molto preparati. Era evidente che al progetto sono stati dedicati impegno, lavoro e tanta passione”. “Ho percepito vera generosità in questi giovani – continua Daniela Fatatis – Mi ha colpito il fatto che tutti e quattro i progetti non fossero pensati per portare vantaggi a se stessi, ma agli altri, alle famiglie in difficoltà, agli animali abbandonati, ai bambini che metteranno piede in una classe delle Medie per la prima volta”. “Quanta energia in questi ragazzi – conclude Luca Righi – costruendo questi progetti hanno dimostrato un senso civico che deve essere di esempio per tutti noi adulti”