Home Formigine Il successo di Moninga tra musica e beneficenza

Il successo di Moninga tra musica e beneficenza

ADV


La formula del successo delle serate di luglio organizzate a Formigine dall’associazione Moninga onlus è più unica che rara: una location storica formiginese, Villa Benvenuti, luogo simbolo di tradizione, ha incontrato la musica travolgente di talenti locali e dj di fama internazionale, il tutto a favore di un’importantissima causa.

La formula si dimostra valida ormai dal 2015, anno di nascita dell’associazione, da un’idea del fondatore Gabriele Goldoni della musica come “arte non fine a se stessa”, ma strumento capace di diffondere la cultura della solidarietà, soprattutto tra i più giovani. È iniziato così un percorso fatto di iniziative ed eventi musicali, artistici, culturali e sportivi volti a sostenere la Pediatria di Kimbondo, orfanotrofio e ospedale in Repubblica Democratica del Congo che al momento accoglie circa 500 bambini, abbandonati o orfani, spesso affetti da malattie o disabilità.

Percorso culminato con il grande successo riscosso dalle otto iniziative del mese di luglio: doppio appuntamento settimanale nella cornice della corte di Villa Benvenuti, il mercoledì a ingresso libero con dj set a cura di emergenti talenti locali, e il venerdì, solo su prevendita, con artisti che hanno già calcato i palchi dei club più esclusivi d’Europa (Sentimental Rave, Krampf, VOIRON, Crystallmess). Eventi che hanno costantemente registrato il sold out e attirato pubblico da ben oltre i confini comunali, anche grazie alla giovane età delle menti organizzative (la maggior parte dei volontari ha meno di 30 anni) e all’atmosfera che da sempre contraddistingue le serate di Moninga, parola che non a caso in lingua lingala significa “amico, persona di cui ti puoi fidare”. Commenta Gabriele Goldoni: “Come generazione non possiamo rimanere inerti di fronte a quanto accade nel mondo. L’intuizione di Moninga è stata quella di poter incentivare un senso di appartenenza alla comunità creando eventi capaci di attrarre i giovani che potessero avere un impatto a lunga durata, come dimostrano gli oltre 105mila euro investiti a Kimbondo negli ultimi 6 anni”.

Chi avesse perso gli appuntamenti non dovrà aspettare a lungo: il primo weekend di settembre Moninga tornerà ad animare il calendario eventi formiginese con il torneo di basket a tre “Villapark Street Festival” presso il campo del parco di Villa Gandini

“Continuiamo a sostenere le attività  dei Moninga, che ringrazio di cuore, perché hanno dimostrato che è possibile avvicinare i giovani all’attività benefica creando momenti di incontro unici nel panorama locale – commenta il Vicesindaco con delega alle politiche giovanili Simona Sarracino – Dopo l’isolamento forzato dovuto alla pandemia, Formigine ha colto il bisogno dei ragazzi di ritrovarsi ed è stata teatro di serate capaci di unire le emozioni che solo la musica può regalare a una causa benefica veramente speciale”.

Articolo precedenteProsegue l’Estate Fioranese, ecco i prossimi appuntamenti
Articolo successivoVaccinazioni. Coronavirus, accordo tra Emilia Romagna e Liguria