Home Modena Come menzionare le tue precedenti esperienze lavorative nel CV e renderlo accattivante

Come menzionare le tue precedenti esperienze lavorative nel CV e renderlo accattivante

ADV


Come menzionare le tue precedenti esperienze lavorative nel CV e renderlo accattivanteImmagina di essere un responsabile delle risorse umane per un secondo e di ricevere il curriculum vitae di un possibile candidato.  A quale sezione presteresti attenzione per prima?  Se hai pensato all’esperienza lavorativa, allora hai ragione.

 

E se trovi alcune parole chiave pertinenti nella sezione delle esperienze lavorative passate, continuerai con il loro background, le informazioni di contatto e così via. Quando fai domanda per un lavoro, la prima cosa che la maggior parte dei reclutatori vuole sapere è se puoi davvero occupare la posizione in modo adeguato e secondo gli standard dell’azienda. Un modo per saperlo con certezza è guardare all’esperienza lavorativa passata, questo è ovvio.

La maggior parte dei recruiter impiega in media 6 secondi per esaminare un curriculum. E l’esperienza lavorativa è una delle sezioni più importanti da consultare. Fondamentalmente, se vuoi essere richiamato per un colloquio, la tua sezione relativa all’esperienza lavorativa pregressa deve essere davvero di prim’ordine. Concentriamoci dunque su questa sezione e vediamo come deve essere scritta per rendere il CV il più accattivante possibile.

 

Descrivi i risultati ottenuti, piuttosto che le tue responsabilità

Uno dei modi migliori per riassumere la tua esperienza lavorativa è mostrare i tuoi risultati. Nella maggior parte dei casi, il responsabile delle risorse umane può già pensare a quali erano le tue responsabilità. Soprattutto se è qualcosa di simile a quello per cui ti stai candidando: probabilmente conoscono la posizione a fondo.

Invece, per distinguerti, quello che puoi fare è mostrare il tuo impatto in quel ruolo. Se hai aumentato la crescita complessiva delle entrate dal 5% al 15% e hai implementato un nuovo piano di marketing per l’anno, questo è qualcosa che il reclutatore vorrà sapere.

I recruiter cercano informazioni e qualsiasi tipo di risultato quantificabile che potresti applicare anche alla loro azienda. Tuttavia, se ti trovavi in una posizione in cui non potevi di fatto conseguire alcun risultato degno di nota (ad esempio come cameriere in un ristorante, cassiere in un supermercato, ecc.), sentiti libero di elencare semplicemente le tue responsabilità e i tuoi compiti.

 

Illustra le tue esperienze su misura in base alla posizione lavorativa

Quando legge un curriculum, il recruiter cerca informazioni rilevanti per quella specifica posizione, con i suoi requisiti unici. Perché, non a caso, se invii lo stesso curriculum a tutti gli annunci di lavoro che trovi online o sulle bacheche di un’agenzia per il lavoro, sarà ovvio che stai utilizzando un curriculum generico, non ottimizzato per nessuno di essi in particolare.

Per evitare ciò, mostra al recruiter che hai effettivamente impiegato del tempo per leggere l’annuncio di lavoro (cosa che dovresti fare sempre) e che il tuo curriculum è adattato alle sue esigenze. Per fare ciò, leggi l’annuncio di lavoro in dettaglio, non dargli solo una rapida occhiata generica.

 

Organizza al meglio anche le altre sezioni del CV

Mentre la tua esperienza lavorativa potrebbe essere la sezione più importante del tuo curriculum, ciò non toglie che essa funziona per forza di cose in sincronia con tutte le altre sezioni del curriculum.

Anche se a prima vista potrebbero non essere rilevanti, le tue competenze trasversali, le qualità personali, gli hobby e gli interessi possono essere il fattore decisivo tra l’ottenere o meno il lavoro. Ci saranno casi in cui il reclutatore deve prendere una decisione con candidati con un’esperienza lavorativa alla pari e dunque dovranno prendere in esame anche altri fattori.

Elencare ad esempio progetti personali è uno dei modi migliori per mostrare la tua passione e dedizione. Qualsiasi progetto svolto per passione personale su cui hai lavorato che sia rilevante per la tua attuale posizione lavorativa può aiutarti a distinguerti e dimostrare che non stai inventando le cose descritte nel curriculum. Se sei uno studente con poca esperienza lavorativa, ad esempio, puoi utilizzare la sezione dei tuoi progetti personali per sostenere le tue competenze trasversali e la tua dedizione, e ridare slancio al tuo CV.

Il modo in cui trascorri il tuo tempo libero dice molto di te. E se è stato speso concentrandosi su ciò che ti appassiona veramente, allora il responsabile delle risorse umane dovrebbe saperlo immediatamente. Tutto ciò che non è così rilevante, tuttavia, come progetti banali e palesemente non interessanti per il recruiter, dovrebbe essere lasciato fuori per fare spazio ad altro di più interessante.

Articolo precedenteSabato 28 agosto, a Borgo Venezia, la terza “Pastasciutta antifascista”
Articolo successivoSbarra “La Cisl favorevole all’obbligo vaccinale”