Home Ambiente All’Accademia Militare di Modena una pista di atletica con gomma riciclata da...

All’Accademia Militare di Modena una pista di atletica con gomma riciclata da pneumatici fuori uso

ADV


E’ stata inaugurata questa mattina la nuova pista di atletica realizzata con gomma riciclata dei Pneumatici Fuori Uso nell’Accademia Militare di Modena, l’unico Istituto di formazione di base per gli Ufficiali in servizio permanente dell’Esercito e dell’Arma dei Carabinieri.

La superficie è stata realizzata con le migliori tecnologie disponibili ed è in grado di coniugare prestazioni atletiche ai massimi livelli con una sempre maggiore sostenibilità delle infrastrutture sportive delle Forze Armate, grazie alla presenza della gomma riciclata che si ottiene dal recupero dei Pneumatici Fuori Uso.

Un intervento realizzato grazie ad Ecopneus, la società senza scopo di lucro principale operatore della gestione dei PFU (i Pneumatici Fuori Uso), con il supporto tecnico di Casali Sport, azienda leader in Italia nella realizzazioni di superfici sportive e piste di atletica.

Il sistema installato presso l’Accademia Militare di Modena è della tipologia impermeabile, composto da uno strato elastico di base, realizzato in opera e costituito da granuli di gomma riciclata da PFU e legante poliuretanico, e da un rivestimento superficiale in resina poliuretanica autolivellante con una finitura su cui sono tracciate le linee delle corsie. Il manto colato in opera garantisce omogeneità grazie all’assenza di giunzioni ed è progettato per ottenere un adeguato assorbimento degli urti con conseguente ottimizzazione del ritorno dell’energia elastica, garantendo il generale miglioramento delle prestazioni sportive ed una risposta dinamica uniforme. Il manto garantisce, inoltre, performance eccellenti con qualsiasi situazione climatica.

Siamo orgogliosi di poter mettere a disposizione dell’Accademia Militare di Modena in un contesto di così alto livello una superficie sportiva di ultima generazione realizzata in gomma riciclata” ha dichiarato Federico Dossena, Direttore Generale di Ecopneus. “Quello sportivo è il settore che ad oggi assorbe il maggior quantitativo di gomma riciclata prodotta dalla filiera Ecopneus, mediamente tra le 30 e le 40 mila tonnellate l’anno. Questo proprio perché l’aggiunta della gomma riciclata conferisce alla superficie le caratteristiche idonee ad una pratica sportiva anche ai massimi livelli e la necessaria tutela delle prestazioni degli atleti. Sono soluzioni che guardano al futuro e ad una sempre maggiore sostenibilità anche delle infrastrutture sportive”.

La finitura superficiale del sistema Sportrack SW-PM realizzato da Casali Sport è omologato dalla FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera) e World Athletics, l’organizzazione che si occupa dell’atletica leggera a livello mondiale precedentemente nota come International Association of Athletics Federations (IAAF).

La versatilità nella composizione del sistema consente di realizzare la superficie più adatta alle diverse esigenze di utilizzo, dalle competizioni agonistiche internazionali a superfici per l’allenamento quotidiano.

Da ultimo, l’intervento ha previsto anche la manutenzione straordinaria del campo da rugby esistente con ricarica dell’intaso prestazionale tra i fili d’erba sintetica con granuli di gomma riciclata da PFU, nonché la realizzazione della nuova pedana di allenamento a corpo libero in pavimentazione colata antitrauma di colore azzurro integralmente composta da granuli di gomma riciclata e legante poliuretanico neutro.

CHI È ECOPNEUS:

Ecopneus è la società senza scopo di lucro per il rintracciamento, la raccolta, il trattamento e il recupero dei Pneumatici Fuori Uso, costituita dai principali produttori di pneumatici operanti in Italia, cui nel tempo si sono aggiunte molte altre aziende. Ogni anno Ecopneus gestisce raccolta, trattamento e recupero di mediamente circa 200.000 tonnellate di PFU, il 60% del totale nazionale, trasformate in preziosa gomma riciclata per tantissime applicazioni nello sport, per asfalti silenziosi e duraturi, nelle infrastrutture, per il benessere animale, nell’arredo o come energia. Dal 2011 ad oggi, Ecopneus ha raccolto e recuperato ben 2,2 milioni di tonnellate di Pneumatici Fuori Uso, un quantitativo equivalente al peso di 10 superportaerei e con un volume pari ad un palazzo grande quanto un campo da calcio e alto 1,5 km.

Articolo precedenteSabato festa a Magreta per l’inaugurazione del campo da basket
Articolo successivoNasce BIGLIA, il nuovo circuito di ATER Fondazione dedicato alla musica dal vivo