Home Appennino Modenese Sanità, incontro della CTSS con i sindacati: “risorse Pnrr occasione unica”, piano...

Sanità, incontro della CTSS con i sindacati: “risorse Pnrr occasione unica”, piano da 47 mln

ADV


Copyright :Regione Emilia-Romagna A.I.U.S.G. – Autore: Liviana Banzi

I progetti per il potenziamento dei servizi sanitari modenesi, finanziati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) con risorse pari a circa 47 milioni di euro, sono stati illustrati, giovedì 21 ottobre, ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil nel corso di un incontro dell’ufficio di presidenza della Conferenza territoriale sociale e sanitaria modenese.

Hanno partecipato sindaci e amministratori dei comuni capodistretto (Modena, Carpi, Castelfranco Emilia, Mirandola, Pavullo, Sassuolo e Vignola), autorità sanitarie, dell’Università e della Regione.

Il piano, come ha sottolineato Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Conferenza, «è stato condiviso nella Conferenza nei giorni scorsi e rappresenta un’occasione unica per la sanità modenese perché punta sulla rete territoriale delle Case della salute (nel Pnrr denominate Case di comunità) e Ospedali di comunità (Osco), anche sulla base dell’esperienza maturata durante la pandemia, oltre agli investimenti in nuove tecnologie».

Con queste risorse, ha sottolineato Antonio Brambilla, direttore dell’Ausl di Modena, illustrando il piano, saranno realizzate o ristrutturate 14 Case della salute, tre Osco e sette centrali operative territoriali, con un investimento di 35 milioni di euro, mentre quasi 12 milioni rappresentano investimenti tecnologici.

Il piano sarà inserito nell’accordo di programma tra Regione e Governo che sarà approvato entro la fine dell’anno.

Durante l’incontro tutti gli interventi hanno condiviso la scelta di puntare sulla rete territoriale per avvicinare i servizi ai cittadini.

Nicola Maria Russo della Uil ha posto il tema del personale e della formazione, ripreso anche da Daniele Dieci della Cgil che ha sottolineato la necessità di sviluppare la collaborazione tra i medici di diverse discipline e Andrea Sirianni della Cisl il quale ha giudicato le risorse del Pnrr fondamentali per rafforzare i servizi sul territorio, soprattutto quelli rivolti agli anziani.

Articolo precedenteA Bologna la Commissione politiche agricole nazionale
Articolo successivoDucati inizia la sua era elettrica: produrrà le moto per la FIM Enel MotoE World Cup dalla stagione 2023