Home Cronaca Cordoglio dell’Amministrazione comunale di Reggio Emilia per la scomparsa di Attilio Marchesini

Cordoglio dell’Amministrazione comunale di Reggio Emilia per la scomparsa di Attilio Marchesini

ADV


L’Amministrazione comunale di Reggio Emilia esprime cordoglio per la scomparsa di Attilio Marchesini, già conservatore presso i Civici Musei della città, persona di ampia e profonda cultura, studioso di arte e storia, in particolare quella della città e del suo territorio fino ad esserne imprescindibile punto di riferimento.

Non si possono non ricordare la sua umanità, la sua empatia, le sue doti di persona essenziale e affabile, umile e disponibile a condividere il proprio sapere con chi voleva allargare le proprie conoscenze, chiunque esso fosse.

Attilio Marchesini è stato un protagonista della vita culturale e dell’evoluzione dei Musei Civici di Reggio Emilia: ha partecipato al percorso di questa antica e fondamentale istituzione dall’inizio degli anni Settanta, quando iniziò a lavorare con il direttore Giancarlo Ambrosetti e fino ai primi passi verso il Nuovo Museo ideato da Italo Rota con la direzione e i curatori delle Collezioni museali di oggi, esperti più giovani che negli anni aveva affiancato come collega e contribuito a crescere.

In pensione dal 2009, Attilio aveva continuato infatti a occuparsi dei Musei volontariamente anche in seguito, collaborando fra l’altro al percorso partecipato con la città per il rinnovo di Palazzo dei Musei e alla grande mostra “For Inspiration Only” del 2014. In questa occasione, con grande sensibilità e competenza, aveva raccolto storie di oggetti, di persone e di vita che costituirono una speciale “sezione” della mostra e che in gran parte sono confluite nella pubblicazione “101+1 brevi di cronaca dai Musei Civici”. Anche a lui dunque si deve un contributo importante nell’innovativo approccio culturale e nella riqualificazione dei Musei di Reggio Emilia.

Come ricercatore ha collaborato a numerose pubblicazioni, tra cui “Dimore storiche di Reggio Emilia”, “La città dall’età romana al ventesimo secolo”, “Le arti dell’arredo urbano” e, naturalmente, la Guida alle collezioni di Palazzo dei Musei e della Galleria Parmeggiani.

Negli ultimi anni, collaborando fra l’altro con la Luc-Libera Università del Crostolo, aveva continuato a studiare e ricercare, a svolgere conferenze e visite guidate “sul campo”, facendo scoprire l’attualità, la vitalità e il senso della storia nei luoghi e negli oggetti che circondano le persone ogni giorno.

Articolo precedenteLazzaretti e Tassoni eletti presidenti delle ASD Scuola di Pallavolo Anderlini e Pavullo Volley
Articolo successivoChiusure notturne sul Raccordo di Casalecchio e sulla A13