Home Castelfranco Emilia Castelfranco Emilia, sugli scontrini delle farmacie comunali il numero unico 1522 per...

Castelfranco Emilia, sugli scontrini delle farmacie comunali il numero unico 1522 per contrastare la violenza sulle donne

ADV


Anche le farmacie comunali di Castelfranco Emilia scendono in campo per contrastare la violenza sulle donne. Alla vigilia della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, partirà sul territorio un’iniziativa, su input diretto del Sindaco Giovanni Gargano, volta a fornire un aiuto concreto in più a tutte le vittime di violenza o stalking:

“Sulla scia della bella iniziativa lanciata recentemente dalle coop toscane, anche le farmacie comunali del nostro territorio a partire da domani mercoledì 24 novembre emetteranno gli scontrini fiscali con una nuova dicitura dove ci sarà stampato in evidenza, con estrema chiarezza, il 1522, il numero unico gratuito e attivo ha24 a servizio delle donne vittime di violenze o di stalking – ha dichiarato il Primo cittadino di Castelfranco Emilia spiegando che – si tratta di una decisione presa per cercare di fornire un ulteriore supporto in difesa delle tante, troppe donne alle prese con situazioni di questo tipo. Anche la cronaca di questi giorni non lascia ahinoi spazio all’immaginazione. Tanto è stato fatto, soprattutto in questi ultimi anni, in chiave legislativa e nell’ottica soprattutto della prevenzione, oltre che della repressione, ma – ha aggiunto – evidentemente non è ancora abbastanza. Senza dimenticare un aspetto centrale di questi casi: il senso di abbandono, solitudine e disorientamento che le donne vittime di violenza, anche psicologica e non solo fisica, spesso provano. Ingredienti, questi, che talvolta portano addirittura ad omettere le denunce quando, in realtà, sappiamo quanto sia fondamentale il fattore tempo per agire tempestivamente anche “solo” ai primi piccoli segnali. Questa, pertanto, vuole essere un mano sempre più tesa verso tutte le donne che stanno vivendo situazioni di questo tipo affinchè –  ha concluso – si riescano a debellare una volta per tutte comportamenti vergognosi per i quali non può esistere alcun tipo di tolleranza. E non ci fermeremo qui: a breve presenteremo, infatti, quest’iniziativa anche a tutte le altre farmacie del territorio per allargare ulteriormente la rete a supporto di questo messaggio, così come abbiamo fatto nel caso dell’eliminazione dell’iva sugli assorbenti. Contemporaneamente allargheremo la presentazione di  questa iniziativa a tutto il tessuto economico commerciale del territorio, sempre con l’obiettivo di fare ulteriormente rete”.

Sempre in occasione di questa Giornata, l’Amministrazione comunale di Castelfranco Emilia ha programmato una serie di importanti iniziative: innanzitutto, in tutte le attività commerciali del territorio sono state distribuite locandine realizzate dal Comune contenenti un forte messaggio di invito alla riflessione su questo tema di strettissima attualità, con l’auspicio che siano messe in vetrina con la massima visibilità. Inoltre, proprio per giovedì 25 novembre, l’Amministrazione ha indetto un flash mob rivolto a tutta la cittadinanza: l’appuntamento è fissato per le 18.00 in piazza Garibaldi dove è posizionata una panchina rossa e dove, alle 19.00, arriveranno anche i Gruppi consiliari, sia di maggioranza che di opposizione, per un momento di riflessione, tutti insieme, prima del Consiglio comunale programmato per le 19.30.

La sera prima, invece, quindi mercoledì 24, a partire dalle ore 20.00, alla Biblioteca Gabriella Degli Esposti si terrà “Le donne che hanno fatto l’Europa”, conferenza gestita da Europe PO, con Silvana Boccanfuso, ricercatrice presso l’archivio storico INPS, e Maria Re di Nonno, dottoranda in Storia dell’Europa presso l’Università La Sapienza di Roma.

Non solo. Con l’obiettivo di non circoscrivere ad unica giornata l’attenzione su questa realtà, ricordiamo che il Comune ha indetto, sviluppandolo interamente sui mesi di novembre di novembre e dicembre, la prima edizione di PACE35, un  primo premio d’arte proposto attraverso un contest per ragazze e ragazzi under 35 con al centro come tema di riferimento le parità di genere e  le donne che hanno fatto l’Europa.

 

 

 

Articolo precedenteGruppi (Lapam Vignola): “Dal turismo alla sicurezza: quando i servizi e le imprese fanno realmente la differenza”
Articolo successivoTestamento Biologico, i professionisti di “Scegliere” saranno in Piazza con un banchetto informativo in occasione di San Prospero