Home Appennino Modenese Ripristino dei versanti del torrente Scoltenna, nel modenese: in fase avanzata i...

Ripristino dei versanti del torrente Scoltenna, nel modenese: in fase avanzata i lavori nei Comuni di Pavullo nel Frignano e di Montecreto

ADV


Sono in fase avanzata di realizzazione i lavori di consolidamento delle sponde del torrente Scoltenna, nel tratto al confine tra i comuni modenesi di Pavullo nel Frignano e Montecreto.

L’intervento riguarda un punto particolarmente critico del corso d’acqua, caratterizzato da instabilità dei versanti che si riflette anche sulla sicurezza idraulica della località Lughetto.

“Le opere in corso puntano a garantire un’ampia sezione di deflusso delle acque dello Scoltenna, stabilizzando il fondo dell’alveo e proteggendo la sponda interessata da erosioni che sono causa di frane e dissesti- spiega l’assessore regionale alla protezione civile e alla difesa del suolo, Irene Priolo-. L’obiettivo è intervenire per mettere in sicurezza il territorio messo alla prova dalle conseguenze delle ondate di maltempo che si sono susseguite negli ultimi anni”.

Avviato in agosto, il cantiere è finanziato dalla Regione con un investimento complessivo di 900mila euro ed è affidato all’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna. Le risorse rientrano nel Piano degli interventi urgenti 2020 predisposto a seguito degli eventi meteo eccezionali, che nel 2019, hanno colpito l’Emilia-Romagna con piogge intense che hanno generato piene storiche di fiumi e torrenti.

 

I lavori in corso

Gli interventi in corso prevedono la ricostruzione sulla sponda sinistra della scogliera danneggiata, il consolidamento delle soglie e del versante e il ripristino della strada comunale situata immediatamente a monte del tratto interessato dai lavori.

La nuova difesa spondale, lunga 170 metri, è costruita in massi di pietrame calcareo. Anche il consolidamento delle soglie è stato realizzato rivestendo con massi di pietra sia il letto del torrente sia le sponde.

Il ripristino della strada comunale consente di garantire un’altezza minima di un metro e mezzo sopra il livello di una piena stimata con ricorrenza di 200 anni.

Il progetto prevede infine il rifacimento di tre attraversamenti idraulici che intersecano il tratto del torrente interessato dai lavori per garantire una corretta regolazione delle acque provenienti dal versante.

Attualmente sono già state completate le opere necessarie alla messa in sicurezza dell’alveo e delle sponde: la chiusura definitiva dei lavori è in calendario per gennaio 2022.

Tutte le informazioni sui canteri in corso in Emilia-Romagna per la sicurezza del territorio sul sito: https://www.regione.emilia-romagna.it/territoriosicuro.

Articolo precedente“Siamo qui”, nuovo album di Vasco Rossi certificato “oro”
Articolo successivoBayer e la onlus Plastic Free insieme per ripulire 5 città dai rifiuti