Home Bologna L’assetto aggiornato della rimodulazione delle linee bus attive a Bologna da lunedì...

L’assetto aggiornato della rimodulazione delle linee bus attive a Bologna da lunedì 17 gennaio

ADV


La curva pandemica ancora in ascesa determina una riduzione della mobilità complessiva a causa di contagi, quarantene, isolamenti ed una maggiore quota di lavoro da remoto. In questo contesto, in cui anche le assenze tra il personale viaggiante non fanno eccezione, registrando un tendenziale aumento, si rende necessaria una riorganizzazione temporanea dei servizi di trasporto pubblico.

Alle rimodulazioni già stabilite e comunicate di quattro linee urbane del bacino di Bologna (14, 20, 25 e 27), il tavolo di programmazione che vede impegnati Tper, l’Amministrazione Comunale di Bologna e l’agenzia metropolitana per la mobilità SRM ha previsto variazioni delle frequenze anche per le linee 11, 15, 18, 19, 21, 30, 32, 33, 35 e 36, sempre a decorrere da lunedì 17 gennaio.

Nessuna soppressione di servizi, ma solo un lieve diradamento delle frequenze abituali, del tutto in linea con la minore domanda registrata in questi giorni, che consentirà la riduzione di una cinquantina di turni di servizio di personale di guida, limitando gli interventi ai soli giorni feriali in orari diurni.

Le modifiche, infatti, non coinvolgono i collegamenti prettamente scolastici, che sono potenziati come da decisioni assunte dal tavolo prefettizio per accompagnare al meglio le esigenze di trasporto studentesche in questo periodo pandemico. Analogamente inalterate le linee suburbane ed extraurbane, fruite dall’utenza pendolare.

Sul sito di Tper, selezionando la linea e la data d’interesse nella sezione Orari e Percorsi, è già possibile consultare e scaricare tutti gli orari aggiornati in vigore da lunedì 17 gennaio.

Il tavolo di programmazione metropolitano continuerà a monitorare quotidianamente i servizi di trasporto pubblico per verificarne l’adeguatezza e, quando necessario, intervenendo in relazione al procedere della situazione pandemica, alle risorse disponibili e alle esigenze dei cittadini-utenti; ogni eventuale ulteriore variazione sarà tempestivamente comunicata.

 

Articolo precedenteCaffe al bar con il green pass di un altro: denunciato ad Anzola Emilia
Articolo successivoTunisia, Ghribi “Serve unità per rendere grande il Paese”