Home Maranello Maranello, concluso il periodo di ‘prova’ del nuovo velox fisso. Strumento operativo...

Maranello, concluso il periodo di ‘prova’ del nuovo velox fisso. Strumento operativo dal 17 gennaio

In via Abetone limiti superati oltre 3mila volte in sei settimane

ADV


nuovo autovelox fisso in via Abetone Superiore

Nelle sei settimane di ‘prova’ appena trascorse, durante le quali sono stati raccolti dati ma senza elevare sanzioni, in Via Abetone Superiore – all’altezza di Via Damiano Chiesa – c’è anche chi ha superato i 100 chilometri orari, nonostante il limite di velocità fosse di 50. Sarà sempre di 50 km/h la soglia dell’autovelox fisso che in quel punto entrerà in funzione a partire da lunedì 17 gennaio, rendendo più sicuro un tratto di strada che nel corso degli anni è stato teatro di diversi incidenti, alcuni con esiti mortali. E i proventi delle multe verranno reinvestiti proprio nell’ambito della sicurezza stradale.

Il via libera definitivo all’installazione del dispositivo era arrivato dalla Prefettura a fine novembre, a completamento di un iter autorizzativo avviato lo scorso anno dal Comune di Maranello, non appena le nuove normative hanno consentito l’utilizzo di questi strumenti anche su strade urbane con le caratteristiche di Via Abetone Superiore. Una richiesta che gli stessi residenti della zona, anche nelle riunioni di quartiere, avevano sollevato da tempo, ricevendo l’impegno dell’Amministrazione comunale a procedere nel caso venisse modificato in tal senso il Codice della Strada, cosa avvenuta a fine 2020.

Il monitoraggio effettuato dal 1° dicembre 2021 all’11 gennaio 2022 ha inoltre confermato la necessità di un ulteriore elemento deterrente contro gli eccessi di velocità in quel punto della strada, come dimostrano i dati raccolti in quei 42 giorni. Un intervallo di tempo nel quale il limite dei 50 km/h è stato infatti superato da 3113 veicoli, quindi 72 volte in media al giorno, nonostante la presenza della regolare segnaletica che già indica la presenza di un velox, alla quale sono stati aggiunti ora altri due pannelli luminosi che riportano in tempo reale la velocità del veicolo in transito.

L’87% delle ‘sanzioni virtuali’ ha visto velocità assestate tra i 50 e i 70 km/h: il 43% (1351 transiti) nella fascia 50-60, il 44% (1373) tra i 60 e i 70 km/h. Un altro 10% di questi veicoli (316 passaggi) ha raggiunto velocità tra i 70 e gli 80 km/h, mentre in 12 occasioni (quasi il 3%) si è toccata la fascia 90-100 e in un frangente quella tra i 100 e 110 km/h. E in quel punto, oltre a diverse abitazioni, c’è un incrocio e due attraversamenti pedonali nell’arco di pochi metri.

Il nuovo autovelox fisso utilizza una videocamera di ultima generazione, dotata di un visore ad infrarossi che le consente di rilevare H24 la targa dei veicoli che oltrepassano il limite di velocità (50 km/h), senza dover ricorrere ad alcun flash, nemmeno di notte. Inoltre, la videocamera e il software che la supporta hanno le potenzialità per interagire con i 15 varchi stradali già installati sul territorio.

Come da normativa, le sanzioni oscilleranno tra i 42 e i 1126 euro – e dai 3 ai 10 punti di malus sulla patente – a seconda dell’entità del superamento dei limiti e della fascia oraria in cui avviene la violazione, visto che nelle ore notturne l’irregolarità per legge è ritenuta più grave.

Articolo precedenteEnrico Nigiotti il 18 gennaio al Teatro Celebrazioni di Bologna
Articolo successivoSequestro preventivo di oltre 700.000 euro a coniugi modenesi