Home Maranello A Piero Ferrari il Premio Ciliegia d’Oro 2021

A Piero Ferrari il Premio Ciliegia d’Oro 2021

Sabato 14 maggio la premiazione al teatro Fabbri di Vignola

Pubblicità










Piero Ferrari (foto Ufficio Stampa Toschi Vignola)

Assegnato a Piero Ferrari il prestigioso Premio Ciliegia d’Oro, riconoscimento istituito nel 1981 e promosso ogni anno dal Centro Studi Vignola con il sostegno dell’azienda Toschi Vignola per rendere omaggio a personalità che si sono particolarmente distinte in campo sociale, culturale, imprenditoriale, sportivo o umanitario.

La cerimonia di premiazione si svolgerà sabato 14 maggio alle 18 presso il Teatro Ermanno Fabbri di Vignola alla presenza del presidente del Centro Studi Vignola Massimo Toschi e della sindaca di Vignola Emilia Muratori.

La Giuria ha assegnato la Ciliegia d’Oro 2021 a Piero Ferrari riconoscendone il ruolo nell’azienda automobilistica della quale ricopre la carica di Vice Presidente e sottolineando la sua capacità di aver saputo guardare al futuro, interpretando al meglio i trend di cambiamento delle nuove tecnologie, dei nuovi business e alla capacità di dare fiducia ai giovani nelle aziende da lui gestite nel campo della meccanica e dell’elettronica.  La giuria, oltre a evidenziare il profilo internazionale del premiato, ha sottolineato la sua affezione e vicinanza al nostro territorio, confermata anche dalla sensibilità dimostrata in questi anni a sostegno della sanità modenese.

Nato Castelvetro di Modena il 22 maggio 1945, Piero Ferrari si diploma perito industriale con specializzazione in meccanica nel 1964, presso l’Istituto tecnico industriale Fermo Corni di Modena e l’anno successivo entra nell’azienda fondata dal padre Enzo. Nel 1998 fonda a Modena la High Performance Engineering, un’azienda di progettazione ingegneristica volta a studiare soluzioni tecniche avanzate nei settori motociclistico e automobilistico e nello stesso anno inizia a dedicarsi al risanamento dell’azienda aeronautica Piaggio Aero Industries di cui è stato presidente dal 1998 al 2014. Per queste sue attività ha ricevute la laurea honoris causa in ingegneria aerospaziale dall’Università degli Studi di Napoli Federico II nel 2004, e la laurea honoris causa in ingegneria industriale meccanica dall’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia nel 2005. Dal 1998 al 2001 è stato presidente della Commissione Sportiva Automobilistica Italiana. Nel 2004 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi lo nomina Cavaliere del lavoro.

In questi mesi di ripartenza, rallentati dagli strascichi della pandemia e dagli echi di un conflitto internazionale – ha spiegato Massimo Toschi, presidente del Centro Studi Vignolaabbiamo bisogno di esempi positivi di impegno, responsabilità e solidarietà. Con dedizione e passione Piero Ferrari ha fatto conoscere il nostro territorio nel mondo, esaltandone l’operosità e la produttività. E’ stato una guida per molti giovani a cui ha saputo trasmettere valori e competenze manageriali, e nel periodo buio in cui l’emergenza sanitaria ci ha colpiti, si è schierato in prima linea sostenendo medici e strutture sanitarie nella lotta al covid”.

“Piero Ferrari è un imprenditore di ampie vedute e un amico del nostro territorio – conferma la sindaca di Vignola Emilia Muratori – Non solo porta il nome di Modena nel mondo, ma ha avuto, negli anni, una continua attenzione alla crescita e allo sviluppo locale, dalla formazione dei giovani alle necessità degli adulti. Solo per citare l’ultimo esempio, la Ferrari, insieme ad altri imprenditori locali, ha contribuito generosamente all’acquisto di una Tac di ultima generazione oggi in servizio presso l’Ospedale di Vignola. Nell’operato di Piero Ferrari si coniugano, insomma, la visione internazionale e la cura delle proprie radici. Non possiamo che essergliene grati”.

Il Premio Ciliegia d’Oro

Istituito nel 1981 e sostenuto da Toschi Vignola, viene assegnato ogni anno nell’ambito della Festa dei Ciliegi in Fiore ad un personaggio di origini emiliano-modenesi, che si sia distinto in campo nazionale nel settore sociale, culturale, imprenditoriale, sportivo e umanitario.

Tra i vincitori del premio delle passate edizioni: Luciano Pavarotti, Enzo Ferrari, Luca Toni, Valerio Massimo Manfredi, Anna Molinari, Luca Cordero di Montezemolo e Massimo Bottura.  Per l’anno 2020, il premio è stato assegnato al professor Luca Richeldi, Direttore di pneumologia del Policlinico Gemelli di Roma.

Toschi Vignola

L’azienda Toschi nasce nel 1945 a Vignola, in provincia di Modena, dall’idea di Giancarlo e Lanfranco Toschi di confezionare sotto spirito le famose ciliegie di Vignola per poterle gustare tutto l’anno. Dal 1945 l’azienda ha ampliato enormemente la gamma di prodotti che oggi spaziano dalla frutta sotto spirito ai liquori, dagli sciroppi ai semilavorati per la gelateria e la pasticceria. Il Nocino e l’Amarena Toschi oggi sono tra i prodotti più conosciuti nel mondo.  La mission di Toschi Vignola è quella di offrire prodotti di alta qualità nel rispetto della tradizione e del territorio.

Pubblicità











Articolo precedenteInaugurato il Palermo Cruise Terminal, “nuova” casa per i crocieristi
Articolo successivoModena BUK Festival 2022 celebra il “Pasolini Corsaro” in un week end dedicato tutto alla piccola e media editoria