Davide Toffolo (foto Ufficio Stampa Volpe & Sain)

Modena BUK Festival, seconda giornata domani, sabato 7 maggio, per la festa della piccola e media editoria nazionale giunta alla sua 15^ edizione: promosso da ProgettArte per la direzione artistica di Francesco Zarzana, il festival domani rinnova il suo appuntamento nel Chiostro di San Paolo, e apre alle 10.30 nella Sala del Leccio con un importante evento, il convegno promosso da ALDA, European Association for Local Democracy, sul tema “L’Europa dei diritti”.

Partner del programma di BUK 2022, ALDA mette al centro della sua riflessione coloro che rappresentano le parti più deboli della nostra società, nel dibattito che coinvolgerà esperti europei e italiani. Si indagheranno i diritti economici, civici e sociali in rapporto alla fragilità delle democrazie sia in Europa che a livello mondiale. Vicepresidente di ALDA è Francesco Zarzana, fondatore e direttore artistico di BUK Festival, rientrato proprio ieri da una sessione di lavoro organizzata all’Europarlamento di Strasburgo. «ALDA – spiega Zarzana – è un’alleanza globale di associazioni, organizzazioni della società civile e governi locali che sostengono la democrazia partecipativa, il buon governo e l’impegno dei cittadini in Europa, nel vicinato e nel mondo intero. Il convegno di domani è un riconoscimento al territorio modenese, da sempre molto attento alle tematiche europee, alla progettazione. Il conflitto in corso nel cuore dell’Europa ci responsabilizza tutti, invitandoci a guardare al futuro pacifico dell’Europa a partire dalle nostre comunità».

Il cartellone di BUK Festival entra nel vivo domani, alle 18.30 nella Sala del Leccio, con il secondo dialogo che BUK dedica a PPP: “I Maestri sono fatti per essere mangiati” riprende la battuta di un film iconico di Pier Paolo Pasolini, “Uccellacci e Uccellini“ (1966). BUK Festival richiama quella intuizione attraverso la conversazione che vedrà protagonisti il cartoonist Davide Toffolo, leader dei Tre Allegri Ragazzi Morti e autore del graphic novel Pasolini – un fumetto di culto scritto e disegnato vent’anni fa e oggi ripubblicato da Rizzoli Lizard – insieme a Gian Mario Villalta, poeta e scrittore nonché direttore artistico di pordenonelegge, Festa del Libro con gli Autori. Sarà l’occasione per sfogliare insieme un grande classico del fumetto italiano: e per riscoprire la forza, la rabbia e la dolcezza di un uomo e di un poeta senza tempo, un Maestro che ha indicato la via per vivere da artisti e uomini liberi.

Sempre domani tanti gli incontri delle case editrici ospiti: alle 13.30 Flamingo Edizioni presenta “Ultimo Atto”, di Johan L.B., relatrice Antonella Piccolo: un testo crudo, senza regole grammaticali, sintattiche né tantomeno morali. Johan L.B. potrebbe rivelarci qualcosa di noi, se solo fossimo pronti a scoprirlo e ammetterlo … Alle 15 riflettori su “Tutto il buono della solitudine”, di Vincenzo Cannarozzo: pubblicato da Linea Edizioni, il libro spiega che la fortuna, quella vera, le persone se la devono meritare. Magari passando attraverso storie di viaggio e di vita, cadute e risalite, nottate senza freni, cortocircuiti sentimentali. Alle 16 Gianluca Giagni presenta “Badao. Ogni parola ha un perché”, di G2 Edizioni: per viaggiare tra le parole e riscoprire, attraverso il loro significato , la radice di una cultura che non dobbiamo sottovalutare. E alle 17.30 appuntamento con un libro edito da Giraldi, In collaborazione con l’Associazione Curvy Pride: con Marianna Lo Prelato e Andrea Zuffa sfoglieremo “Mi racconto per te. Il valore delle storie di vita”, una raccolta di esperienze di vita che diventano guida e incoraggiamento, ma anche spunti di riflessione.

Anche quest’anno BUK Festival, è realizzato con il sostegno della Fondazione di Modena, del Comune di Modena, di Bper Banca e con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, di CNA, Camera di Commercio e Modenamoremio, sotto gli auspici del Centro per il Libro e La lettura del Ministero per i Beni Culturali.  Info e dettagli bukfestival.it

Pubblicità