Home Modena Futuri docenti USA per un mese nelle scuole di Modena

Futuri docenti USA per un mese nelle scuole di Modena

Pubblicità










Foto di gruppo per gli studenti americani dell’Uga

Dopo due anni di pausa a causa della pandemia, le studentesse e gli studenti dell’University di Georgia (Stati Uniti) ritornano a Modena inseriti nelle scuole della città e ospitati da famiglie modenesi per conoscere a fondo la realtà dei servizi educativi comunali.
Lunedì 16 maggio l’assessora a Istruzione, Formazione professionale, Sport, Pari opportunità Grazia Baracchi ha ricevuto il gruppo di 30 studentesse, studenti e accompagnatori nella sala di Rappresentanza del Municipio, prima della visita alle Sale storiche e all’Acetaia comunale.

Giunge così alla dodicesima edizione il progetto “University of Georgia (Uga) and Modena Schools” organizzato dalla Victoria Culture and Language School in collaborazione con alcune scuole d’infanzia comunali e Comune di Modena.
I 25 studenti della Facoltà di Education di Uga, accompagnati, come sempre, dalla professoressa Beth Tolley sono arrivati a Modena il 14 maggio e ripartiranno il 9 giugno. Il progetto è promosso dall’Associazione Culturale Victoria Language and Culture di Modena e prevede appunto che per queste quattro settimane i futuri insegnanti americani vengano inseriti nelle scuole della città.
Le scuole che partecipano sono le scuole d’infanzia comunali Villaggio Giardino, Edison, Villaggio Zeta, Tamburin; le scuole degli Istituti comprensivi di Modena 1, 2, 7 e la secondaria di primo grado Paoli del Comprensivo 8.

I futuri insegnanti parteciperanno attivamente alla vita di classe, osservando, interagendo con gli alunni e gli insegnanti modenesi e preparando per le loro classi letture, giochi, canzoni ed attività in lingua inglese.
Durante la permanenza, il gruppo di americani visiterà inoltre il Momo, il Nido e scuola d’Infanzia Forghieri e l’Istituto Spallanzani di Castelfranco Emilia. L’interazione tra gli studenti americani e gli studenti e docenti italiani favorisce la comparazione dei diversi percorsi culturali, nonché lo scambio e la conoscenza tra due realtà così diverse. L’osservazione ed il confronto delle tecniche di insegnamento si fondono con la reciproca conoscenza umana, dando vita a rapporti interpersonali ricchi di valore.
Inoltre, tramite la visita alla città, a musei e centri di servizio e di ritrovo, il programma favorisce la conoscenza del territorio e di ciò che offre alle famiglie.
Parte fondamentale dell’esperienza è l’accoglienza che gli universitari statunitensi ricevono dalle famiglie modenesi che, vivono una significativa esperienza di ospitalità internazionale e di amicizia. Sono anche previste gite e momenti di festa per le famiglie e le scuole coinvolte nell’esperienza fino alla festa di chiusura del 7 giugno presso Villa Cesi.

Pubblicità











Articolo precedenteModena: sciopero generale nazionale di tutti i settori pubblici e privati per la giornata del 20 maggio
Articolo successivoRaphael Gualazzi torna a giugno con il nuovo album “Bar del sole”