Durante le vacanze scolastiche, il Comune di Formigine concentra i lavori di manutenzione nelle scuole, al fine di non interferire con le attività educative e didattiche.

“Riteniamo che edifici sicuri e funzionali possano favorire grandemente il benessere, la socializzazione, l’insegnamento e l’apprendimento di chi, quotidianamente, li frequenta”, sottolinea il Vicesindaco con delega alle Politiche scolastiche ed educative Simona Sarracino.

Alle scuole medie Fiori di Formigine si sta eseguendo un blocco di bagni al piano terra e uno al primo piano, per un importo di oltre 40mila euro. Presso la scuola dell’infanzia Malaguzzi saranno sostituite le tapparelle in tutte le sezioni, per un valore dell’investimento pari a 25mila euro.

Numerosi i lavori di tinteggiatura, che sono eseguiti presso le Fiori di Formigine, le don Milani di Casinalbo e le Carducci di Formigine; in quest’ultimo plesso, le spese sono sostenute dalla scuola grazie a finanziamenti ministeriali.

Sempre grazie a fondi del Ministero, la scuola Ferrari realizzerà, nella propria area cortiliva, un campetto per l’attività motoria.

Un ampio capitolo riguarda la scuola Palmieri di Magreta, che ospiterà dieci classi delle don Mazzoni di Corlo, interessate da un cantiere di adeguamento sismico. Sono pertanto in conclusione i lavori per la creazione di nuovi laboratori e migliorie per l’ottimizzazione degli spazi esistenti.

“L’attenzione alla sostenibilità e più in generale alle tematiche ambientali è punto cruciale per le nostre attività didattiche ed educative – prosegue Sarracino – fatto che si rispecchia nelle strutture. Presso le scuole medie Fiori di Magreta, ad esempio, sarà creato un orto didattico”.

La sua particolarità, rispetto ad altri progetti di questo tipo, consiste nell’essere un orto inclusivo poiché sopraelevato, pertanto fruibile anche per gli studenti in carrozzina. L’intervento è finanziato in parte dai proventi raccolti dalla Podistica formiginese attraverso la virtual For Run 5.30, che si è svolta lo scorso anno.

“In collaborazione con l’Ufficio Ambiente, è in corso la procedura per l’acquisizione di erogatori di acqua del pubblico acquedotto, microfiltrata e sanificata, che saranno destinati a tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado del territorio comunale – conclude il Vicesindaco – I contributi per la realizzazione del progetto verranno erogati da Atersir, l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti, al fine di ridurre il consumo di plastica”.

 

Pubblicità