Home Castelnuovo Rangone Riorganizzazione delle deleghe ai componenti della giunta dell’Unione Terre di Castelli

Riorganizzazione delle deleghe ai componenti della giunta dell’Unione Terre di Castelli

Pubblicità










Per consentire un riequilibrio tra gli impegni di tutti i sindaci che compongono la Giunta dell’Unione Terre di Castelli, è stata decisa una riorganizzazione delle deleghe assegnate agli assessori. Della decisione è stato informato il Consiglio dell’Unione nel corso dell’ultima seduta.

Il cambiamento più evidente riguarda l’ambito della sicurezza. Passano, infatti, al sindaco di Savignano Enrico Tagliavini le deleghe su “Sicurezza e Corpo unico di Polizia locale” che, fino al momento, erano state in capo alla presidente dell’Unione Emilia Muratori. Tagliavini manterrà comunque, accanto alle nuove funzioni, anche le precedenti deleghe a Protezione civile, Ced e transizione digitale, e Benessere animale. Emilia Muratori mantiene, invece, oltre alle Politiche sanitarie, anche la competenza relativa al Polo della sicurezza, progetto dell’Unione che sta per avviarsi a conclusione. Come già annunciato, infatti, i lavori della sede del Polo della sicurezza dell’Unione Terre di Castelli, che si trova a Vignola all’incrocio tra via Per Sassuolo e via Pertini, arriveranno a conclusione nei prossimi mesi. Nei nuovi edifici si trasferiranno il Comando della Polizia locale e la Protezione civile dell’Unione.

Al confermato sindaco di Castelnuovo Massimo Paradisi, oltre alle deleghe a “Area tecnica, Politiche integrate per l’Urbanistica, Politiche abitative e Politiche per il lavoro”, è stata assegnata anche la competenza per il nuovo “Centro per la Legalità”. Come si ricorderà, nell’accordo per il trasferimento del supermercato Coop di Vignola, tra i servizi di pubblica utilità che si insedieranno negli spazi al primo piano del Centro commerciale “I ciliegi”, c’è anche il nascituro “Centro per la Legalità” dell’Unione Terre di Castelli, che curerà il supporto scientifico alle azioni per la legalità e la lotta alle infiltrazioni della criminalità organizzata messe in campo dalle istituzioni locali.

Il vice presidente dell’Unione Federico Ropa, sindaco di Zocca, oltre alle deleghe a “Personale, Politiche di innovazione e sviluppo del territorio e Funzioni relative alle aree montane”, si occuperà anche dei “rapporti con la Regione Emilia-Romagna per le Politiche agricole”.

Il sindaco di Marano Giovanni Galli, oltre alle Politiche scolastiche, lavorerà anche ai “Progetti di educazione alla pace”.

Più chiaramente esplicitata al sindaco di Spilamberto Umberto Costantini la delega al “Tecnopolo” già contenuta di fatto nel suo pacchetto complessivo di competenze: Ambiente, Politiche integrate per i giovani, Famiglia e Immigrazione, Politiche integrate per la Cultura e Rete museale, Marketing e promozione territoriale, Politiche per il Turismo.

Confermate la delega al Bilancio per il sindaco di Castelvetro Fabio Franceschini e quelle del sindaco di Guiglia Iacopo Lagazzi (Welfare e Politiche sociali ed Emporio solidale Eko, Rapporti con Ente di Gestione parchi).

Ogni competenza sulle funzioni non espressamente delegate ai componenti della Giunta rimane in capo alla presidente Emilia Muratori.

Pubblicità











Articolo precedenteElezioni, Calenda “Accordo con PD può essere cancellato, no annacquato”
Articolo successivoCovid, scendono incidenza settimanale, l’Rt e occupazione intensive