Home Appennino Modenese Montefiorino: la resistenza attraverso ‘sguardi diversi’

Montefiorino: la resistenza attraverso ‘sguardi diversi’

La Resistenza attraverso l’occhio dell’artista. Domani, nel Museo della Repubblica Partigiana a Montefiorino, è in programma “Sguardi diversi”, viaggio nello spazio, nella fantasia e nell’interiorità.

La Sala Ermanno Gorrieri ospita alle 16 ospita Gea Casolano e Gianluca Ratta che raccontano con immagini e parole un personale e alternativo punto di vista sul mondo. Conduce l’incontro Marco Senaldi, esperto di arte contemporanea e docente di Cinema e Arti visive all’Università di Milano Bicocca.

L’iniziativa è stata promossa dal Comune di Montefiorino e dalla Provincia di Modena, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, nell’ambito del programma “Il Gusto di viaggiare”, eventi, incontri, degustazioni nei musei modenesi.

Nel corso del pomeriggio saranno proiettate alcune fotografie di Gea Casoiano, artista romana protagonista di numerose personali in Italia e all’estero, tratte dalla sua opera Maybe in Sarajevo, ovvero scorci metropolitani in cui la città bosniaca assomiglia ad altre città, Londra, Berlino, Osaka.
Gianluca Ratta, torinese, nel 2000 ha iniziato il suo Giro d’Italia a piedi percorrendo oltre 7mila chilometri in 203 giorni (impresa è già entrata nel Guinness dei primati). Nel suo viaggio ha incontrato la cagnetta Shira che è attualmente la sua unica e inseparabile compagna d’avventura.

Il Museo della Repubblica Partigiana di Montefiorino propone filmati d’epoca, testimonianze, armi utilizzate, radio e abiti dei protagonisti della Resistenza.