Home Economia Allarme rincari: a luglio +3-5% per la bolletta elettrica

Allarme rincari: a luglio +3-5% per la bolletta elettrica

La nuova stangata è prevista per luglio quando l’ultima bolletta elettrica delle famiglie italiane prima delle ferie potrebbe lievitare del 3-5% equivalente a circa 20 euro in più in un anno. La stima è stata fatta dall’istituto Ricerche Industriali Energetiche di Bologna in vista dell’aggiornamento trimestrale dell’Autorità di controllo per l’energia, atteso per la fine di questo mese.

Nelle previsioni l’incremento potrebbe andare da un minimo del 3% (+44 centesimi di euro al chilowattora) fino al 5% (+73 centesimi/kwh) con una impatto tra i 12 e i 19,60 euro su base annua. Notizie positive invece per le bollette del gas che non dovrebbero essere soggette a rincari.

Alla base dell’impennata dei prezzi non c’è il caro petrolio, colpevole dei rincari dei mesi scorsi, ma una serie di voci ed extra che gravano sulle bollette della luce e del gas e che nei mesi scorsi erano state utilizzate per ammortizzare i rincari internazionali.

L’allarme era lanciato qualche settimana fa dal ministro per lo Sviluppo economico Pierluigi Bersani che aveva avvertito sul rischio di rincari legati alle voci che gravano sulle bollette. Le tariffe del prossimo trimestre, spiega Davide Tabarelli, esperto tariffario del Rie, dovranno scontare l’impatto degli extra costi 2006 che gravano sulle bollette. Primi tra tutti gli «stranded cost» – i costi riconosciuti all’Enel e alle altre compagnie elettriche per investimenti fatti prima della liberalizzazione e non più recuperabili – nonché quelli legati al Cip 6, gli incentivi destinati alla produzione con fonti rinnovabili e assimilate.