Home Attualita' Sulpm Modena sullo sciopero di sabato

Sulpm Modena sullo sciopero di sabato

“Nonostante Leonelli continui pubblicamente a dichiarare la sua disponibilità verso il Sulpm, ogni giorno ci dimostra il contrario, come in occasione dello sciopero di sabato”.

“Infatti, nonostante la proclamazione sia stata inoltrata in data 22 aprile, in forte ritardo e, solamente a seguito della nostra segnalazione alla Commissione di Garanzia di Roma (massima autorità competente a vigilare sulla regolarità delle azioni sindacali) Leonelli ha iniziato ad attivare le prescritte procedure – modalità dettagliatamente disciplinate dalla specifica normativa nazionale e da un accordo sindacale locale del 2004.
Ieri poi è stato esposto al Comando il “servizio” del 19 maggio, giorno dello sciopero, ma per averne una copia ci è stato comunicato che occorre inoltrare richiesta di accesso agli atti.
Piuttosto “singolari” le modalità di assegnazione del personale da destinare ai “servizi minimi essenziali” (che quindi non possono partecipare allo sciopero in quanto tenuti ad assicurare prestazioni indispensabili) che, stranamente, interessano quasi esclusivamente agenti associati a questa OS, mente si è preso visione che accade il contrario per il personale destinato al servizio alla “mille miglia”……anche questa solo una coincidenza…?!?
Sempre osservando il documento esposto abbiamo verificato che alcuni operatori effettuano servizio per oltre dieci ore, in straordinario e nonostante cio’ sia espressamente vietato dalla normativa.
La nostra richiesta di occupare suolo pubblico in P.ta Bologna con due “miseri” tavolini per alcune ore nel pomeriggio è stata respinta e solo oggi abbiamo ricevuto conferma dell’accoglimento di analoga istanza in P.le Risorgimento.
Sabato dalle ore 16.30 alle ore 19.30, nel piazzale, nelle adiacenze della statua di Garibaldi alcuni esponenti Sulpm saranno presenti per sensibilizzare, ancora una volta, i cittadini modenesi in merito alle problematiche della Loro Polizia di prossimità, la Polizia della città.
Per concludere, avremmo gradito solo e con serenità esercitare un diritto costituzionalmente garantito ai Lavoratori…”.

(Il segretario Sulpm, Elisa Fancinelli’)