Home Ambiente Carpi, al via la campagna di lotta alla zanzara tigre

Carpi, al via la campagna di lotta alla zanzara tigre

Anche per il 2011 il Comune di Carpi fino al 31 ottobre effettuerà una campagna di lotta alla zanzara tigre. E’ stata adottata un’apposita ordinanza (in vigore da ieri, lunedì 18 aprile) rivolta a privati cittadini, gestori di attività commerciali, industriali e artigianali, responsabili di cantieri, conduttori di orti e vivai e frequentatori di cimiteri, per contrastare e ridurre la proliferazione dell’insetto.

E’accertato che la zanzara tigre depone le uova, fino a 300-400 per esemplare, in contenitori che periodicamente si riempiono di acqua (ad esempio a seguito di eventi piovosi) e che, nel giro di pochi giorni, da queste si sviluppano le larve e successivamente gli insetti adulti.

E’quindi fondamentale eliminare, ove possibile, tutti i piccoli ristagni d’acqua per contrastare la riproduzione del fastidioso insetto (in particolare controllando sottovasi, cisterne, piscine gonfiabili, fontane, grondaie). Se ciò non è possibile è necessario effettuare trattamenti larvicidi con distribuzione di appositi prodotti, reperibili in farmacia a prezzi agevolati (ma anche nelle parafarmacie e presso i rivenditori di prodotti agrari). I cittadini dovranno prestare lamassima collaborazione effettuando costantemente i trattamenti fino alla fine di ottobre nelle aree private e ricordandosi di compilare il Registro dei controlli e trattamenti (scaricabile dal sito Internet del Comune).

L’amministrazione comunale farà la sua parte invece eseguendo mensilmente, sempre fino a fine ottobre e tramite un’impresa specializzata, trattamenti larvicidi nelle oltre 15.000 caditoie presenti nelle aree pubbliche.

I dati del monitoraggio effettuato negli anni scorsi hanno evidenziato la diffusione della zanzara tigre in tutto il territorio urbanizzato, con picchi di particolare intensità da metà luglio a metà settembre. La criticità in tale periodo è dovuta sia alle condizioni climatiche molto favorevoli alla schiusa delle uova sia, molto probabilmente, ad una minore attenzione dei cittadini nelle aree private a rischio, causa vacanze estive;sarebbe pertanto auspicabile che tutti gli interessati effettuassero un intervento straordinario prima della partenza e subito dopo il rientro dalle ferie.

La sanzione per chi trasgredisce le indicazioni dell’ordinanza è fissata in 103 euro.

Allegato al numero di maggio del periodico comunale Carpicittà verrà diffuso un volantino contenente le informazioni necessarie per ridurre la diffusione della zanzara tigre, anche in relazione al rischio di carattere sanitario determinato dal virus Chikungunya, potenzialmente trasmissibile da questo insetto all’uomo. Ulteriori informazioni possono essere reperite in un sito dedicato (www.zanzaratigreonline.it) predisposto dalla Regione Emilia-Romagna, dove sono pubblicati anche i dati dell’andamento dell’infestazione nei comuni sottoposti a monitoraggio.

Per ridurre poi il rischio di punture si rammenta infine che all’aperto è meglio proteggersi indossando indumenti adeguati, preferibilmente di colore chiaro e utilizzando prodotti repellenti su pelle e vestiti. In ambiente chiuso se possibile utilizzare invece zanzariere per finestre e porte e diffusori di insetticidi.

Per informazioni: Settore Ambiente del Comune, telefono 059 649081 – Servizio Igiene Pubblica dell’Azienda USL, telefono 059 659904 -www.carpidiem.it – www.zanzaratigreonline.it