Home Modena Castelfranco: sabato posa della prima pietra del Centro diurno distrettuale per disabili

Castelfranco: sabato posa della prima pietra del Centro diurno distrettuale per disabili

ADV


Sabato prossimo 2 marzo alle ore 10 sarà posata simbolicamente la prima pietra del nuovo Centro Diurno Socio-Riabilitativo per disabili di Castelfranco Emilia, che sorgerà nelle immediate vicinanze del Polo scolastico Guinizelli di via Risorgimento e sarà a disposizione dei residenti dei Comuni del Distretto Socio-Sanitario n°7: Bastiglia, Bomporto, San Cesario, Nonantola e Ravarino, oltre a Castelfranco Emilia.

Alla cerimonia saranno presenti il sindaco di Castelfranco  Emilia Stefano Reggianini, il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Paolo Cavicchioli, il Direttore Generale dell’Azienda USL Massimo Annicchiarico e i Sindaci dei Comuni dell’Unione del Sorbara. Sarà poi il Sindaco di Nonantola e Assessore Welfare dell’Unione Federica Nannetti a coordinare nella sala mensa dell’Istituto Guinizelli, l’iniziativa dal titolo “Parole e fatti sulla disabilità” che prevede una riflessione sulla disabilità da parte del prof. Carlo Hanau, la presentazione del rendering della struttura da parte dei tecnici comunali e dei servizi, dei progetti, delle attività per la disabilità presenti sul territorio. Gli studenti dell’Istituto Spallanzani allestiranno un buffet.

Il progetto del nuovo Centro Diurno per disabili del Distretto, suddiviso per stralci, prevede anche la realizzazione di una nuova rotatoria su via Risorgimento, necessaria alla risistemazione degli accessi al parcheggio dello Stadio Ferrarini, oltre a dare nuovo ordine al sistema viabilistico della zona.

Questa progettualità che sarà cofinanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, consentirà all’Amministrazione e all’Azienda USL di concentrare in un unico complesso moderno e funzionale i servizi resi alle persone diversamente abili gravi e gravissime del territorio e ne valorizzerà la qualità del servizio complessivo reso all’utenza. Verranno infatti trasferiti nel nuovo edificio i servizi resi all’interno dei centri disabili presenti presso il centro Anec di via Solimei e nella frazione di Recovato, strutture ormai non più adeguate a svolgere le funzioni deputate, per problemi di localizzazione e di caratteristiche degli immobili ormai datati.

L’Amministrazione Comunale pertanto ha ritenuto necessario pianificare la realizzazione di un Centro Diurno che risponda alle esigenze di garantire la riorganizzazione dei servizi di accoglienza diurna per persone con disabilità grave e la realizzazione di un servizio di accoglienza residenziale temporanea per persone con disabilità di diverso grado.

L’intervento, per complessivi 2.200.000 euro di quadro economico comprensive delle opere di urbanizzazione generali, consentirà inoltre una maggiore sicurezza e una migliore fruizione anche del polo scolastico “Guinizelli”, con conseguente miglioramento dei percorsi di accesso e di uscita dalle strutture. Con la realizzazione della nuova rotatoria, infatti, sarà possibile rivedere tutto il sistema di entrata e di uscita non solo al Centro Diurno, ma anche al complesso scolastico “Guinizelli”, che ora raggruppa in un unico edificio scuola primaria e secondaria di primo grado.

“E’ con grande soddisfazione – afferma il Sindaco Stefano Reggianini – che comunichiamo alla cittadinanza l’inizio dei lavori di un’opera innovativa sul nostro territorio, indispensabile per migliorare la qualità del servizio a supporto di persone affette da disabilità gravi e delle loro famiglie, oltre a riqualificare un’altra porzione di città pubblica dove vengono concentrati poli attrattori importanti come scuole e attività sportive”.

Articolo precedentePiù di mille bambini e genitori nelle scuole di Albinea per la “Notte dei racconti”
Articolo successivoGrave incidente sulla Pedemontana questa mattina: due feriti