Home Modena Su Rai Storia il Duomo di Modena

Su Rai Storia il Duomo di Modena

Si intitola “Sulle tracce del patrimonio mondiale. Il medioevo delle cattedrali” la puntata del programma di Rai Cultura con la collaborazione del Mibac (ministero dei beni e delle attività culturali) che parla anche del Duomo di Modena e va in onda lunedì 3 giugno alle 21.10 su Rai Storia (visibile sul canale 54 del digitale terrestre e sull’805 di Sky). La puntata sarà replicata sempre su Rai Storia martedì 4 giugno alle 9.30, mercoledì 5 giugno alle 6.30 e giovedì 6 giugno due volte: alle 17 e alle 23.15. Dopo la messa in onda sarà sul portale web Rai Play (www.raiplay.it/programmi/italiaviaggionellabellezza/).

Nel lavoro realizzato dall’autore Stefano di Gioacchino per la regia di Marzia Marzolla – anche con la collaborazione, a Modena, del Servizio comunale Promozione della città e Turismo – è riservato uno spazio rilevante alla cattedrale romanica, che con la Ghirlandina è al centro del sito Unesco di piazza Grande patrimonio dell’umanità. Ne parlano Chiara Frugoni, storica del medioevo, e l’architetto Elena Silvestri, progettista e direttore dei lavori architettonici di restauro del Duomo di Modena recentemente ultimati.

Nella puntata intervengono anche Maria Andaloro, Ruggero Longo e Marco Collareta, storici dell’arte medievale, per parlare di quattro cattedrali di altrettanti siti Unesco (Aquileia, Pisa, Modena e Monreale) prese a simbolo della “rinascita dell’anno mille”, che investe l’Europa e l’Italia, e prende forma nella costruzione di cattedrali che per ricchezza e bellezza non hanno precedenti. Un processo che, dopo la caduta dell’Impero d’occidente, le invasioni barbariche, e secoli di epidemie povertà, carestie, porterà a un nuovo sviluppo economico, culturale e demografico.

A Modena con la particolarità, spiega la sinossi della puntata, che sono i cittadini a guidare in prima persona lo sviluppo della città, e costruiscono una cattedrale in cui scultura e architettura si fondono come mai prima.