Home Appuntamenti Settimana Calderarese: salta causa Covid anche l’edizione 2021. Il Sindaco: “La rassegna...

Settimana Calderarese: salta causa Covid anche l’edizione 2021. Il Sindaco: “La rassegna culturale estiva si farà”

ADV


Dopo l’annullamento dell’edizione 2020, il Comune di Calderara di Reno ha deciso che anche nel 2021 la Settimana Calderarese non avrà luogo. La storica manifestazione programmata solitamente tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, vetrina per le istituzioni culturali, le associazioni del territorio, il terzo settore e il tessuto commerciale calderarese, è stata annullata per motivi legati all’emergenza sanitaria. Avrebbe vissuto lo scorso anno la sua quarantesima edizione. L’Amministrazione Comunale, in considerazione del perdurare dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del contagio del Coronavirus, ha optato anche quest’anno per la cancellazione dell’evento.

“Si tratta – commenta il Sindaco Giampiero Falzone – di una decisione sofferta, che come amministrazione ci sentiamo in dovere di assumere visto il perdurare dell’emergenza sanitaria, peraltro con una curva sempre di più in aumento anche sul nostro territorio. Dovremo essere ancora tutti prudenti e innovativi, ripensando nuove forme di socialità e di feste e al modo di stare insieme, che tanto ci manca, per proteggere noi stessi e gli altri. Per questo stiamo comunque programmando una rassegna culturale estiva che verrà confermata nei prossimi mesi sulla base dell’andamento della pandemia. Abbiamo tutte le intenzioni di offrire ai cittadini occasioni per ritrovarsi all’aperto e in condizioni di sicurezza, come già avvenuto l’estate scorsa, a conferma che la coesione della comunità attraverso la cultura e l’associazionismo rimane un nostro obiettivo prioritario. Non è il momento di allentare ma di resistere, in attesa della vaccinazione”.

Articolo precedenteFondazione di Modena: al via le richieste di finanziamento per i progetti extra-bando
Articolo successivoUnione Nazionale Consumatori su Istat prezzi: Modena al 3° posto per rincari