Home Cronaca I carabinieri bussano alla porta di casa, lui lancia la droga dalla...

I carabinieri bussano alla porta di casa, lui lancia la droga dalla finestra: denunciato a Reggio Emilia

All’anagrafe disoccupato ma di fatto, secondo le risultanze investigative dei carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia, dedito all’illecita attività di compravendita di droga. Questa la metamorfosi di un insospettabile incensurato 20enne reggiano, denunciato dai carabinieri della sezione radiomobile nell’ambito di un’indagine antidroga che, prendendo spunto dagli approfondimenti investigativi dei controlli culminati con la denuncia di un suo amico per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, sono giunti all’odierno 20enne finito nei guai. A lui i carabinieri hanno sequestrato una decina di grammi di marijuana e materiale per il confezionamento delle dosi.

Alla base dell’operazione “semplici” constatazioni rilevate dai carabinieri reggiani nel corso della denuncia di un suo coetaneo avvenuta nei giorni scorsi e con il quale l’odierno indagato è risultato essere in contatto. L’altro ieri i militari hanno fatto “visita” al ragazzo per dare corso ad una perquisizione domiciliare, al fine di acquisire elementi di riscontri alle ipotesi investigative che lo vedevano “commercializzare” in stupefacenti. All’arrivo dei carabinieri il 20enne, ignaro della presenza sotto casa dei carabinieri, ha lanciato dalla finestra dell’appartamento al 4° piano di un condominio di Reggio Emilia, un involucro che recuperato dai militari è risultato contenere una decina di grammi di marijuana. Un primo riscontro alle ipotesi investigative dei militari, che poi hanno trovato conferma nella perquisizione: è stato infatti trovato anche il materiale per il confezionamento delle dosi.

In caserma il giovane ha poi cercato di disfarsi di ulteriori prove: visto che i carabinieri erano riusciti a sbloccare il suo cellulare, per esperire un’analisi speditiva, se ne è “appropriato” sbattendolo a terra con violenza, mandandolo in frantumi. Il cellulare rotto è stato comunque sequestrato alla pari dello stupefacente gettato dalla finestra e del materiale per il confezionamento trovato a casa. Il 20enne, alla luce delle risultanze, è stato denunciato.