Home Sassuolo Nidi sassolesi: si aprono le iscrizioni dal 26 aprile al 14 ...

Nidi sassolesi: si aprono le iscrizioni dal 26 aprile al 14 maggio

ADV


Copyright immagine: Regione Emilia Romagna A.I.C.G.

A partire da lunedì prossimo, 26 aprile, e fino al 14 maggio saranno aperte le iscrizioni ai Nidi d’Infanzia per l’anno educativo 2021/2022. Nello stesso periodo sarà inoltre possibile presentare domanda di ammissione per il Centro Bambini e famiglie “La Trottola” e per lo Spazio Bambini.  Potranno presentare domanda i genitori dei bambini nati negli anni 2020, 2019  e, per il Nido, anche i genitori dei bambini nati o che nasceranno  entro il 30 giugno 2021.

Le domande potranno essere presentate on-line sul sito del Comune di Sassuolo. https://www.comune.sassuolo.mo.it/servizi-online/iscrizioni-ai-nidi-dinfanzia

Per informazioni è possibile telefonare al numero: 0536/880776.

Nel prossimo anno educativo 2021/2022 si potranno  accogliere complessivamente circa 180 bambini nelle 3 strutture comunali : Spazio Bambini (presso Nido Parco via Padova)  Nido Parco (via Padova), Nido San Carlo (via S. Marco), Nido S.Agostino (via Udine) e nelle 5 private convenzionate: Babygiò (via Cavallotti), Cipì (via Castelfidardo) I Folletti (via Milazzo) Il Girotondo (via Montanara) e Il Sole e la Luna (via Mazzini).

Il Centro Bambini e Famiglie, rivolto ai bambini fino a 3 anni, è situato all’interno del  Nido S.Carlo e potrà accogliere circa 40 bambini accompagnati da un familiare per svolgere attività di gioco guidato. Potranno iscriversi al servizio anche i fratelli e le sorelle fino a 6 anni di età.

Informazioni  più dettagliate sono scaricabili dal sito Internet del Comune di  Sassuolo (aree tematiche / Scuola e nidi / nidi d’ infanzia oppure rete dei servizi integrativi).

“La frequenza del nido è un’occasione importante – afferma l’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Sassuolo Corrado Ruini – il nido infatti, è il primo ambiente educativo che può dare supporto alle famiglie impegnate nel lavoro, offre il confronto con gli altri, con le educatrici e con il coordinatore pedagogico, aiuta ad affrontare con maggiore serenità le sfide educative di tutti i giorni. Fornisce ai bambini molti stimoli di crescita  sia dal punto di vista cognitivo che da quello relazionale”.