Home Carpi Sarà inaugurata sabato a Carpi la fenice sul muro del Carpine

Sarà inaugurata sabato a Carpi la fenice sul muro del Carpine

ADV


Sarà inaugurata sabato a Carpi la fenice sul muro del CarpineSarà inaugurato posdomani, sabato 15, il murale dipinto da Sebastiano Matarazzo, in arte Seba Mat, sulla parete esterna della casa protetta ‘Il Carpine’: un omaggio dell’artista al Comune, realizzato in questi giorni e intitolato dall’autore “Post fata resurgo” (in latino « dopo la morte risorgo »), con riferimento al motto della fenice. Il soggetto infatti è una enorme fenice, figura mitologica detta anche “uccello di fuoco”, scelta da Seba Mat come segno di speranza e rigenerazione dopo la pandemia, che così duramente ha colpito la comunità avendo nel “Carpine” uno dei primi focolai in provincia.

La sgargiante pittura ha così coperto il muro bianco della RSA comunale, quello verso il parcheggio dell’ospedale: oltre al murale, in ricordo dell’emergenza sanitaria da Covid-19 si sta anche realizzando un video di 20 minuti, cofinanziato da Comune, Fondazione Casa del Volontariato e Consulta Comunale Settore “C”, che oltre a documentare la realizzazione dell’opera comprende testimonianze di tanti volontari.

L’inagurazione sarà alle 10:00 con il Sindaco Alberto Bellelli, l’Assessore al Sociale Tamara Calzolari, la Presidente della Consulta Arianna Agnoletto, il Presidente della Fondazione Casa del Volontariato Nicola Marino, l’Autore e rappresentati dei volontari.

Il progetto del murale “partecipato” è stato proposto da: Al di là del muro, Africa Libera, Amo, Arci, Asi, Avis, Banca del tempo, Centro polivalente “La Fontana” di Fossoli, Croce Blu, Il tesoro nascosto, Porta aperta, Sopra le righe dentro l’autismo, Udi, Viveredonna e Ushac, e l’adesione di tutte le altre associazioni della Consulta “C” (“Attività Umanitarie e Socio Assistenziali, Diritti dei cittadini e degli utenti”).

Articolo precedente“Partecipare la democrazia”, la mostra storico documentaria che parte da Modena e toccherà tutte le principali città emiliano-romagnole
Articolo successivoUnifer Navale di Finale Emilia, il 19 maggio momento conviviale e musicale al presidio