Home Albinea Albinea sostiene la campagna “Stop Tampon Tax”

Albinea sostiene la campagna “Stop Tampon Tax”

ADV


Albinea sostiene la campagna “Stop Tampon Tax”Nella Farmacia Comunale di Albinea gli assorbenti e gli altri prodotti essenziali per il ciclo mestruale sono venduti con uno sconto di un valore simbolico corrispondente alla differenza tra l’IVA al 22% e l’IVA al 4%.

Questa decisione è figlia di una mozione, presentata dal gruppo “Uniti per Albinea” e approvata nel Consiglio comunale del 10 maggio 2021.  Il documento ha posto l’attenzione sul fatto che in Italia l’iva applicata su questi beni primari sia la stessa a cui sono soggetti i beni di lusso, a differenza della maggior parte dei paesi europei, in cui l’Iva sugli assorbenti va dallo 0 a un massimo del 9.5%. Inoltre la “Tampon Tax” ricade soltanto su una specifica categoria di soggetti ed evidenzia una discriminazione di genere.

Non potendo i comuni abbassare direttamente l’Iva, la mozione chiede che la tassa sia idealmente abbassata, nella farmacia comunale di via Grandi, al 4% rinunciando così a parte del ricarico.

Inoltre l’amministrazione ha deciso che, per un mese, a partire dal 28 maggio e fino a esaurimento scorte, sarà possibile, per le residenti ad Albinea che ne faranno richiesta, ricevere in omaggio un prodotto essenziale per l’igiene mestruale ecosostenibile (coppetta o assorbenti ecologici).

Il 28 maggio ricorre proprio la “Giornata internazionale dell’igiene mestruale”, il cui intento è sensibilizzare sia sul tema sopra descritto, che sulla “povertà mestruale”, cioè sulla difficoltà, per molte donne di assicurarsi i prodotti necessari per un’igiene corretta nel periodo mestruale.

Alcune donne di Albinea hanno deciso quindi, nella giornata di domani, di informare i cittadini sulla campagna “Stop Tampon tax” all’interno del Conad di Albinea. In più promuoveranno una raccolta di prodotti per l’igiene mestruale femminile da donare a Caritas Albinea ed Emporio Dora.

 

 

 

Articolo precedenteRiempiono i carrelli di merce per 1.300 euro e pagano qualche oggetto di pochissimo valore: arrestate a Soliera
Articolo successivoLa didattica a distanza raccontata da 800 famiglie modenesi