Home Modena Modena Smart life, via libera a proposte di enti e no profit

Modena Smart life, via libera a proposte di enti e no profit

ADV


Procedono a pieno ritmo i preparativi per l’edizione 2021 di Modena Smart Festival, il festival della cultura digitale che intende far conoscere a cittadini, imprese e istituzioni come le tecnologie digitali cambiano la vita, il lavoro, i saperi.

Anche quest’anno Modena Smart Life si apre ai contributi di associazioni ed enti no profit. È infatti già on line il bando rivolto ad associazioni regolarmente costituite, enti pubblici e privati senza scopo di lucro, come associazioni di categoria e ordini professionali, che intendono partecipare alla sesta edizione del Festival in programma dal 24 al 26 settembre.

Dopo l’edizione interamente digitale dello scorso anno, nel 2021 Modena Smart Festival si svolge in un formato ibrido: in presenza e trasmesso digitalmente nei giorni della manifestazione. Quindi, le attività candidabili possono essere di diverso tipo: live (in diretta) o digital (preregistrato), conference live o digital talk con un moderatore che intervista un esperto o ancora un keynote con un relatore che affronta in modo approfondito un determinato argomento e si possono proporre anche laboratori a distanza o in presenza, spettacoli e performance artistiche.

Le domande vanno presentate entro le ore 13 del 16 luglio 2021. Avviso e relativa modulistica sono pubblicati sul sito internet del Comune di Modena (www.comune.modena.it) e per informazioni e chiarimenti si può contattare: segreteria@modenasmartlife.it.

Il tema del Festival è “Ambienti: digitali, ecologici, sociali” e verrà data precedenza alle proposte in grado di valorizzare l’interconnessione delle tre dimensioni in cui è connotato il tema “ambiente”: la transizione ecologica è infatti strettamente connessa al processo di trasformazione digitale con ricadute dal punto di vista sociale.

Da quest’anno inoltre sarà data priorità, in particolare, alle proposte che presentino programmazioni continuative con uno sviluppo temporale nell’arco di tutto l’anno, per cui il festival sia una occasione di visibilità e di sintesi. L’obiettivo è valorizzare le azioni in grado di coinvolgere quante più persone possibile e produrre un reale cambiamento in linea con il Piano Digitale – Modena Smart City 2020 del Comune di Modena e con l’Agenda Digitale – Data Valley Bene Comune della Regione Emilia-Romagna.

Articolo precedenteLiquami sversati sul terreno: titolare di azienda agricola sanzionato a Viano
Articolo successivoAlto Appennino reggiano: Antonio Manari rassicura in merito alle riparazioni sulle strade su cui ha lavorato Open Fibre