Home Bologna I controlli della Polizia di Stato nelle stazioni ferroviarie della regione

I controlli della Polizia di Stato nelle stazioni ferroviarie della regione

ADV


4 arrestati, 23 indagati e 3.600 persone controllate. 52 violazioni amministrative elevate, 53 veicoli ispezionati e quasi un etto di sostanza stupefacente sequestrata. Sono questi i risultati dell’attività del Compartimento polizia ferroviaria per l’Emilia-Romagna nell’ultima settimana, che ha visto impegnate sull’intero territorio regionale più di 320 pattuglie in uniforme e in abiti civili, con 84 treni presenziati.

A Modena, gli agenti hanno arrestato un 28enne albanese destinatario di un ordine di custodia cautelare in carcere dovendo scontare cinque mesi di reclusione per i reati di oltraggio e resistenza a Pubblico Ufficiale. Lo straniero è stato condotto presso la locale casa circondariale.

A Bologna, durante i consueti controlli all’interno della stazione, è stato arrestato un ventenne, originario del Veneto, ricercato per rapina, lesioni e spaccio di sostanze stupefacenti. Dai controlli è emerso che il giovane era destinatario di un provvedimento di carcerazione dovendo scontare la pena detentiva di un anno e due giorni di reclusione.

Sempre a Bologna, è stato arrestato un 45enne della città, anche lui gravato da un ordine di custodia cautelare in carcere per resistenza a Pubblico Ufficiale, porto abusivo di armi, minacce e lesioni. Entrambi gli arrestati sono stati condotti al carcere di Bologna.

Una cittadina filippina, di 40 anni, è stata fermata per un controllo a bordo di un convoglio e arrestata perché trovata in possesso di quasi settanta grammi di metamfetamina, tipo “shaboo”. Processata per direttissima per spaccio di sostanza stupefacente, la donna è stata condotta in carcere.

Le denunce riguardano vari reati quali: resistenza a Pubblico Ufficiale, violazione al foglio di via obbligatorio, rifiuto di generalità, reati contro il patrimonio, violazioni alla normativa sugli stranieri.

Articolo precedenteUna app per scoprire Bologna sulle tracce del giallo
Articolo successivoCrossroads giunge a Casalgrande con i Quintorigo assieme al batterista Roberto Gatto