Home Bassa modenese Campogalliano avrà un nuovo collegamento ciclabile in via del Passatore

Campogalliano avrà un nuovo collegamento ciclabile in via del Passatore

ADV


L’opera, in programma nel 2022, verrà realizzata nell’ambito del bando regionale “Bike to work 2021”, nato per conseguire l’ambizioso obiettivo di raddoppiare la percentuale di spostamenti in bici e a piedi sul territorio (media regionale da raggiungere nel 2025 del 20%).

Tra i progetti selezionati rientra anche quello presentato nei mesi scorsi dal Comune di Campogalliano, riguardante la realizzazione di una ciclabile in via del Passatore in grado di congiungere due importanti percorsi ciclabili già esistenti, quello di via Ponte Alto con il tratto di viale Italia-via Barchetta. Tra i criteri guida del progetto richiesti dalla Regione vi era proprio la costruzione di nuovi collegamenti tra le piste esistenti con una forte attenzione alla loro messa in sicurezza, oltre alla promozione di nuovi stili di vita consapevoli e il potenziamento della fruizione del territorio. Il costo complessivo dell’opera ammonta a 168 mila euro, di cui oltre 38 mila finanziati dalla Regione e la restante parte dal Comune.

“La ciclabile di via del Passatore rappresenta una nuova tappa per la riqualificazione dell’area, dopo l’efficientamento dell’illuminazione pubblica – dichiara l’assessore all’Ambiente Marcello Messori – in aggiunta avremo il traffico più vivibile e la sosta degli automezzi più ordinata”.

La nuova opera consentirà di migliorare le condizioni di sicurezza dei ciclisti in un contesto industriale come quello della zona Dogana caratterizzato da importanti flussi di traffico. Inoltre, con il restringimento della sede stradale, si punterà a una limitazione del fenomeno delle soste a bordo strada da parte degli automezzi. La nuova pista ciclabile è prevista sul sedime stradale esistente che allo stato attuale si presenta di dimensioni sovrabbondanti rispetto alle effettive esigenze di transito.

Articolo precedenteIn dicembre al Comunale di Carpi rassegna di musica a km zero
Articolo successivoWebecome a Modena: un progetto itinerante nazionale sulle fragilità moderne dell’età evolutiva