Home Modena Webecome a Modena: un progetto itinerante nazionale sulle fragilità moderne dell’età evolutiva

Webecome a Modena: un progetto itinerante nazionale sulle fragilità moderne dell’età evolutiva

ADV


Bullismo, cyberbullismo, violenze, disagi alimentari, problemi di nutrizione, dipendenze, uso sbagliato dei social networks, difficoltà di inclusione, gestione emotiva della pandemia, sono le fragilità sociali e interiori, individuali e collettive, con cui si confrontano i bambini di oggi. Sono diverse da quelle di anche solo una generazione fa, si sviluppano veloci e seguono il ritmo della tecnologia. Per queste caratteristiche vanno conosciute in primis dagli insegnanti e necessitano di specifici strumenti educativi di prevenzione per contrastare il disagio.

Le fragilità nell’età dell’infanzia e dell’adolescenza sono un problema di cui l’opinione pubblica prende consapevolezza quando le forme in cui si manifesta assumono i contorni della tragedia, portata in evidenza dai media. Oppure di cui si prende atto attraverso la sempre più diffusa esperienza personale, di genitori e parenti i cui figli o nipoti subiscono disagi che condizionano la vita personale e familiare. La traccia comune è il vivere in solitudine e in modalità individuale l’esperienza negativa e le sue ricadute: sono infatti pochi i bambini che denunciano il disagio. Solo in USA, gli Osservatori pubblici federali dichiarano che i fenomeni di disagio in età giovanile (tra i 6 e i 12 anni) coinvolgono 2 ragazzi su 3. Gli adulti vengono a conoscenza di quelli che implicano violenza o sopraffazione solo nel 20% dei casi.

Intesa Sanpaolo e Fondazione Con il Sud hanno promosso WEBECOME un progetto di profilo nazionale che si pone l’obiettivo di fornire strumenti e metodologie per sostenere l’inclusione agli insegnanti delle scuole primarie di tutta Italia: percorsi educativi ed esperienze innovative di prevenzione e contrasto dei fenomeni sensibili per i bambini tra i 6 e i 10 anni.

La Cooperativa reggiana Panta Rei collabora da diversi anni con Dalla Parte dei Bambini e Fondazione Foqus su progetti di formazione rivolti ad insegnanti e collaborerà all’iniziativa in città curando l’accoglienza e l’organizzazione del Corso WEBECOME a Modena nelle giornate 26-27-28 novembre 2021 presso il Nido Stella Tetra Pak, via Uccelliera 19 Modena.

La formazione prevede sessioni teorico-pratiche e workshop esperienziali dove i contenuti si alimenteranno dei contribuiti che i partecipanti porteranno con sé, in un‘ottica di formazione progettuale legata ai contesti e ai territori in cui si colloca.

Il programma, che si completa nella disponibilità di una innovativa piattaforma online, è un impegno di responsabilità sociale e un investimento sulle nuove generazioni, attraverso la proposta di strumenti educativi di intervento, che utilizzano approcci plurali e focalizzati su metodologie di standard europeo.

Durante la formazione, gli insegnanti avranno anche modo di incontrare esperti pedagoghi, psicanalisti e antropologi i cui contributi animano la piattaforma Webecome. L’occasione consentirà a insegnanti provenienti da scuole diverse, di confrontare le reciproche esperienze educative, consentendo agli stessi di poter a loro volta successivamente sperimentare e divulgare i contenuti del progetto nelle proprie scuole e nei propri territori.

Il progetto assume la convinzione che nell’azione educativa il materiale didattico più importante siamo noi, noi e i nostri pensieri, le nostre azioni, le nostre costruzioni. Ed è dal confronto con gli altri, con le idee e le immagini che vengono riportate nel gruppo, che si vanno affinando gli strumenti necessari per poter dar vita a strutture di conoscenza efficaci e condivise.

Il programma di formazione si avvale dell’accreditamento del MIUR, in conseguenza di ciò gli insegnanti che parteciperanno si avvarranno dei relativi crediti formativi. La partecipazione al corso è gratuita sia per la scuola che per i docenti.

Per info e partecipazione: coop@pantareiservizieducativi.it

Articolo precedenteCampogalliano avrà un nuovo collegamento ciclabile in via del Passatore
Articolo successivoModena, una conferenza pubblica apre la 16ª edizione del corso per volontari della cooperazione internazionale