Home Bologna Chiusure notturne in Tangenziale a Bologna, in A1 e in A13

Chiusure notturne in Tangenziale a Bologna, in A1 e in A13

ADV


Sulla Tangenziale di Bologna, per consentire lavori di pavimentazione, in orario notturno, dalle 22:00 di giovedì 25 alle 6:00 di venerdì 26 novembre, sarà chiuso il tratto compreso tra lo svincolo 6 “Castelmaggiore” e lo svincolo 5 “Quartiere Lame”, verso Casalecchio/A1 Milano-Napoli.
In alternativa si consiglia di percorrere la viabilità ordinaria: Via Corticella, Via Stendhal, Via Shakespeare e Via Cristoforo Colombo.

Sempre sulla Tangenziale di Bologna, per consentire lavori di ripristino danni a seguito di un incidente, in orario notturno, dalle 22:00 di venerdì 26 alle 6:00 di sabato 27 novembre, sarà chiuso il tratto compreso tra lo svincolo 2 “Borgo Panigale” e lo svincolo 1 “Nuova Bazzanese”, verso la A1 Milano-Napoli/Casalecchio.
Di conseguenza, saranno chiusi gli svincoli 1 “Nuova Bazzanese” e 1 bis “SP569 di Vignola Zola Predosa” in entrata verso Casalecchio.
In alternativa, dopo l’uscita obbligatoria allo svincolo 2 “Borgo Panigale”, percorrere la viabilità ordinaria: Viale Palmiro Togliatti, Via Gaetano Salvemini, Via Caduti di Casteldebole e l’Asse Attrezzato sud-ovest.

Sulla A1 Milano-Napoli, per consentire lavori di installazione della segnaletica verticale, in orario notturno, saranno adottati i seguenti provvedimenti di chiusura:

-dalle 21:00 di giovedì 25 alle 5:00 di venerdì 26 novembre, sarà chiusa la stazione di Parma, in entrata in entrambe le direzioni, verso Milano e Bologna e in uscita per chi proviene da Bologna.
In alternativa si consiglia di utilizzare la stazione di Terre di Canossa Campegine o di Fidenza sulla stessa A1, o la stazione di Parma ovest sulla A15 Parma-La Spezia, di competenza S.A.L.T. Società Autostrada Ligure Toscana;

-dalle 21:00 di venerdì 26 alle 5:00 di sabato 27 novembre, sarà chiusa la stazione di Fidenza, in uscita per chi proviene da Bologna.
In alternativa si consiglia di uscire alla stazione di Parma sulla stessa A1, o di Parma ovest sulla A15 Parma-La Spezia.

Sulla A13 Bologna-Padova, per consentire lavori di ripristino danni a seguito di un incidente, in orario notturno, dalle 22:00 di venerdì 26 alle 6:00 di sabato 27 novembre, sarà chiuso lo svincolo di immissione sulla A14 Bologna-Taranto, verso la A1 Milano-Napoli.

In alternativa si consigliano i seguenti itinerari:
verso Firenze, uscire alla stazione di Bologna Arcoveggio sulla A13, percorrere la Tangenziale di Bologna, in direzione Casalecchio e rientrare alla stazione di Bologna Casalecchio sul Raccordo di Casalecchio;
verso Milano, uscire alla stazione di Bologna Arcoveggio sulla A13, percorrere la Tangenziale di Bologna, in direzione di Bologna Borgo Panigale, percorrere il Ramo Verde e rientrare alla stazione di Bologna Borgo Panigale sulla A14 Bologna-Taranto.

E sempre sulla A13 Bologna-Padova, per consentire lavori di manutenzione dei giunti di dilatazione, in orario notturno, sarà chiuso lo svincolo di immissione sulla A4 Torino-Trieste, per chi proviene da Bologna ed è diretto verso Brescia/Milano, nei seguenti giorni e orari:
-dalle 22:00 di giovedì 25 alle 6:00 di venerdì 26 novembre;
-dalle 22:00 di lunedì 29 alle 6:00 di sabato 30 novembre.
In alternativa si consiglia di uscire sulla A13 alla stazione di Padova Zona Industriale, percorrere la viabilità ordinaria: Corso Stati Uniti e Corso Argentina e rientrare sulla A4 alla stazione di Padova est, per proseguire in direzione di Brescia/Milano.

A queste chiusure notturne si aggiunge, sempre sulla A13 Bologna-Padova (per consentire attività previste dal programma di manutenzione in corso sul ponte sul fiume Po, che per caratteristiche specifiche necessitano di essere svolte in assenza di traffico), la chiusura della stazione di Occhiobello, in entrata verso Bologna, dalle 6:00 di sabato 27 alle 18:00 di domenica 28 novembre.
In alternativa, si consiglia di entrare alla stazione di Ferrara nord.

Articolo precedenteUn arresto e diverse denunce nei controlli della Polizia Ferroviaria nelle stazioni emiliano romagnole
Articolo successivoAgroalimentare, collaborazione Lombardia, Ersaf e Cervim su vini montani