Home Bassa modenese Il Premio Vittorio Sgarbi va a Marcello Vandelli

Il Premio Vittorio Sgarbi va a Marcello Vandelli

ADV


L’artista Marcello Vandelli si è aggiudicato il primo premio assoluto dell’edizione 2021 del Premio Vittorio Sgarbi.

Nato con lo scopo di promuovere e sostenere l’arte contemporanea, il Premio Vittorio Sgarbi comprende varie sezioni dedicate alla pittura, alla scultura e alla fotografia. Per ciascuna sezione sono stati selezionati artisti contemporanei nazionali ed esteri, che hanno esposto le loro opere da venerdì 29 ottobre a lunedì 1 novembre 2021 a Ferrara. L’assegnazione dei riconoscimenti è stata stabilita da un comitato di esperti con la supervisione del Professor Vittorio Sgarbi e i risultati sono stati pubblicati lunedì 20 dicembre.

Il primo premio assoluto è stato assegnato a Marcello Vandelli grazie all’opera dal titolo “Rimarranno solo le ombre”, attraverso la quale l’artista intendeva rappresentare il concetto di solitudine.

“L’opera mostra il tramonto di un’esistenza, avvolta nella solitudine dei ricordi di un passato ormai lontano – spiega Vandelli – Ombre impresse nella memoria, volti, sorrisi, parole, gesti che rimangono indelebili ad accompagnare il lento cammino. Spazi che diventano infiniti, impossibili da colmare, se non cercando di ricordare. Ma il dolore del ricordo a volte pare insostenibile, amplificando ogni emozione. Tutta una vita passata a correre, troppe volte senza dare il giusto valore alle piccole cose, lasciando che i figli crescessero e lentamente si allontanassero. Il tempo non ha clemenza. Passa lento e inesorabile, porta via con sé gli affetti più cari, lasciando solo un’ombra. E la sensazione di essere rimasti soli”.

Marcello Vandelli è nato il 28 agosto 1958 a San Felice sul Panaro (MO). Fortemente influenzato dalla Pop Art italiana, a seconda delle necessità contenutistiche utilizza il linguaggio realista, simbolista, con il valore aggiunto dell’informale.

Autore dell’opera “Ancora Christi”, esposta nel maggio del 2015 sulla facciata del municipio di Piazza Costituente a Mirandola, a ricordo del sisma del 2012. Sempre nel 2015, in collaborazione e con il patrocinio del Comune, espone la mostra personale “Le vibrazioni del colore” presso l’Aula Magna “Rita Levi  Montalcini” di Mirandola.

Articolo precedenteOk all’estensione della videosorveglianza nella zona industriale dei Torrazzi a Modena
Articolo successivoPapa “L’Ue trovi coesione sulla gestione dei migranti”