Home Politica Filippi (FI) sospendere finaziamento ad Istoreco

Filippi (FI) sospendere finaziamento ad Istoreco

Fabio Filippi, di Forza Italia, ha presentato un’interpellanza per chiedere alla Giunta di “sospendere con effetto immediato ogni contributo, sostegno, finanziamento e patrocinio a all’Istituto per la storia contemporanea di Reggio Emilia”.

A provocare la richiesta il recente comunicato dell’Istituto, in relazione alla vicenda del ritrovamento a Poviglio dei resti forse riconducibili al comandante della Guardia nazionale repubblicana Ugo Pelicelli ucciso nel maggio del ’45, secondo Filippi: “teso unicamente a ‘giustificare’ l’efferato assassinio”, e le dichiarazioni “di natura politica” dello stesso Istoreco, riportatate su un giornale locale e considerate dal consigliere “inqualificabili nella forma e nei contenuti”, a seguito delle quali l’esponente di forza italia ritiene che “non sia ulteriormente tollerabile una gestione dell’Istituto reggiano improntata a tanto settarismo ideologico, al punto da tradire le finalità stesse dell’Istituto”.

“Il compito di un Istituto storico pubblico – stigmatizza Filippi – non è di emettere editti politici con lo scopo di giustificare i crimini partigiani, ma di contribuire con le proprie ricerche a ricostruire gli eventi e i contesti mettendo in campo le proprie competenze scientifiche senza paraventi ideologici. A tale ruolo – continua il consigliere – Istoreco di Reggio Emilia ha abdicato senza alcuna remora da molto tempo caratterizzandosi a giudizio di numerosi reggiani – precisa ancora Filippi – non come centro di ricerca, bensì come centro di insabbiamento dei fatti e di testimonianze inerenti i delitti e le stragi del dopoguerra, nonché delle azioni delittuose compiute dai partigiani durante il conflitto”.

Il consigliere chiede pertanto alla Regione di convocare i vertici dell’Istoreco, assieme al Comune e alla Provincia di Reggio Emilia, per ottenere un piano poliennale di ricerche storiche che costituisca una svolta nelle scelte e negli orientamenti dell’istituto. Un piano – precisa – volto in particolare alla ricostruzione della sequela dei delitti del dopoguerra, nel loro contesto politico-sociale e nelle responsabilità, e a ogni indagine testimoniale, bibliografica e di archivio utile a ritrovare i luoghi di sepoltura degli scomparsi;
Tra le altre richieste di Filippi: che la direzione di Istoreco di Reggio Emilia diventi rappresentativa delle diverse sensibilità, affidandola a personalità di elevato profilo scientifico caratterizzate da spirito di indipendenza nella ricerca; promuovere con finanziamenti adeguati un’ampia campagna di ricerche sui delitti del dopoguerra e sulla prosecuzione della guerra civile in Emilia-Romagna, e di coinvolgere a tal fine anche gli istituti di ricerca indipendenti.