Home Ambiente Comuni ricicloni: Novellara fuori classifica

Comuni ricicloni: Novellara fuori classifica

E’ stato presentato oggi a livello nazionale il rapporto ‘Comuni Riciclioni 2007’, realizzato da Legambiente, termometro delle buone pratiche di gestione dei rifiuti.

Fra i comuni reggiani premiati troviamo Reggio Emilia con il 46,75 % di raccolta differenziata (10° posto fra i capoluoghi di provincia dell’area nord), Quattro Castella con il 48,67 % (169° posizione nella classifica dei comuni con più di 10.000 abitanti dell’area nord), S. Ilario d’Enza con il 53,06 % (192° posizione), Castellarano con il 42,43 % (207° posizione). Fra i comuni con meno di 10.000 abitanti premiato Gattatico con il 58,36 % di raccolta differenziata.

“Da questa classifica resta escluso il Comune di Novellara – dichiara Massimo Becchi – che a dispetto della percentuale di raccolta differenziata raggiunta, ha assunto un atteggiamento poco trasparente querelando per “procurato allarme”, un consigliere comunale (e dirigente locale di Legambiente) reo di avere informato i suoi concittadini della presenza di coltivazioni di basilico all’interno di una discarica provinciale. Le sue dichiarazioni sono state ritenute legittima espressione del diritto di critica e la querela è stata archiviata. Rimane però ancora la possibilità che i coltivatori richiedano la somma di 200mila euro per lesione dell’immagine. Questo atteggiamento certamente poco democratico e trasparente ci ha indotto a escludere questo comune dalla classifica stessa”.

“E’ da sottolineare inoltre – conclude Becchi – che sono ben pochi i comuni reggiani che vengono menzionati in questo rapporto, soprattutto a causa in un ritardo ormai notevole nella raccolta differenziata spinta con il porta a porta, che ha lasciato la nostra provincia ad un livello fisiologico di differenziata fra il 35 e il 45 % nella maggior parte dei comuni, senza arrivare a valori oltre il 60-70 % tipico dei centri abitati che hanno adottato questa metodologia. Non a caso i comuni migliori si collocano nelle parti basse delle rispettive classifiche”.