Home Top news by Italpress Mattarella “Non lasciare gli anziani indietro nello sviluppo digitale”

Mattarella “Non lasciare gli anziani indietro nello sviluppo digitale”

ADV


ROMA (ITALPRESS) – “Quest’anno la Giornata internazionale delle persone anziane ha come tema l’equità digitale per tutte le età e si sofferma sulla necessità di offrire a tutti l’accesso pieno al mondo digitale e ai progressi tecnologici. Obiettivo delle Nazioni Unite è quello di raggiungere uno sviluppo sostenibile entro il 2030, cercando di colmare il divario digitale che ancora persiste tra i diversi Paesi. Investire sulle opportunità offerte dalle nuove tecnologie significa promuovere la piena inclusione dei cittadini di tutte le età nella vita relazionale e culturale del Paese. Restare esclusi dalla dimensione digitale può essere per un anziano un fattore di emarginazione sociale”. Lo afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata internazionale delle persone anziane. “Definire la persona anziana oggi non è facile perchè l’età è un concetto dinamico e in continua evoluzione. Considerare ‘anzianà una persona non può costituire l’alibi per lasciare indietro una parte della popolazione rispetto a cambiamenti ed evoluzioni che hanno l’effetto di trasformare la nostra vita – aggiunge -. In questo periodo di pandemia abbiamo pienamente compreso l’importanza dell’uso di strumenti, anche telematici, che consentono di accedere ad operazioni essenziali come, ad esempio, la prenotazione di un vaccino o che sono utili anche semplicemente per non rimanere soli e per condividere i momenti della propria vita quotidiana con i propri cari. Si deve dunque creare una sinergia tra le radici di un Paese e la sua crescita, perchè è solo con l’inclusione di tutti, adeguatamente assicurata, a prescindere dall’età, che possiamo misurare la maturità di una società”.
(ITALPRESS).

Articolo precedente“Ottobre Rosa 2021”: a Lama Mocogno la scalinata illuminata e un evento dedicato alla prevenzione nella lotta al tumore al seno
Articolo successivo“Una comunità di esseri viventi” mille mosaici per i 10 anni di Fondazione Reggio Children